CampusBand, un contest per le band 'scolastiche'. Parla Mario Lavezzi: 'Trasgredire i canoni è quello che serve oggi'

CampusBand, un contest per le band 'scolastiche'. Parla Mario Lavezzi: 'Trasgredire i canoni è quello che serve oggi'

Si terrà domani sera, giovedì 16 giugno, nel Cortile delle Armi del Castello Sforzesco di Milano la finale della prima edizione di "CampusBand", contest rivolto a tutti i gruppi musicali che si sono formati nei licei e nelle università italiane. L'ideatore di questo concorso è Mario Lavezzi, compositore e produttore che nel corso della sua cinquantennale carriera ha collaborato con - tra gli altri - i Camaleonti, Adriano Celentano, Loredana Berté, Lucio Battisti e Ornella Vanoni: "Volevamo fare qualcosa di alternativo", spiega Lavezzi, "per i giovani le possibilità per farsi notare sono rappresentate prevalentemente dai talent e nelle case discografiche mancano le possibilità economiche per supportare un giovane talento".

"CampusBand" è una sorta di prosecuzione di "Sun 'n Sound", contest lanciato qualche anno fa dallo stesso Lavezzi in collaborazione con il Comune di Milano: "Quello, però, era un concorso soltanto regionale. Io volevo estenderlo a livello nazionale, perché secondo me è un'iniziativa che merita. Così ho proposto il progetto al Miur (Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca) e alla SIAE: è nata un'intesa per cui la SIAE lo sostiene a livello economico, mentre il Miur lo ha promosso nelle scuole. Quest'anno la circolare è passata a gennaio, un po' tardi, in un periodo in cui un ragazzo è molto impegnato con le interrogazioni e le pagelle. Il prossimo anno la faremo passare ad ottobre".

L'età media dei componenti della band non doveva superare i 25 anni. Partecipare era molto semplice: bastava inviare un inedito e una cover. Queste registrazioni sono state ascoltate e giudicate da una commissione di esperti comprendente - tra gli altri - i nomi dello stesso Mario Lavezzi e del paroliere Cristiano Minellono. Fra tutte, sono state selezionate 10 band finaliste che domani sera avranno modo di esibirsi dal vivo nel Castello Sforzesco di Milano: Hard Scream (Roma), Marasma (Firenze), Public Display (Cosenza), Stato Mentale Alterato (Roma), The Dreams Of Lady V. (Milano), The Flyters (Locri), The Francis (Milano), The Ironsides (Rimini), Velk (Reggio Calabria) e Venice Downtown (Bologna). In palio per la band vincitrice ci sarà un contratto con un'etichetta discografica per la pubblicazione del singolo contenente il brano inedito, con relativo video e la cover, oltre a due borse di studio: una al CET, scuola fondata da Mogol; l'altra al CPM di Milano, scuola rappresentata da Franco Mussida. Gli stessi Mogol e Mussida, insieme a Lavezzi, hanno fatto da "guida" alle band, nel corso delle settimane. "Si sono iscritte un centinaio di band e da tutte le regioni: Calabria, Sicilia, Campania, Lazio, Emilia Romagna, Lombardia...", dice Mario Lavezzi, "il 50% canta in italiano, il restante 50% canta in inglese. E hanno riferimenti a band che non sono omologate: musica alternativa, dall'heavy metal al punk metal con riferimenti ai Metallica, Blur, Wolfmother, Audioslave, Soviet Soviet, Cyborgs. In finale la giuria comprenderà 8 membri e a questi si aggiungeranno anche 15 persone scelte tra il pubblico presente, chiamate a votare con le palette. Come si faceva al Cantagiro".

"L'idea del concorso" continua Lavezzi - mi è venuta perché sono artisticamente sono nato proprio in una band 'scolastica': all'età di 14 anni condividevo la passione per la musica con i compagni di scuola e gli amici del mio quartiere, il Giambellino, a Milano. Lì è nato il mio primo gruppo: con i Trappers suonavamo nei matinée danzanti, il sabato pomeriggio e la domenica pomeriggio, e alla feste studentesche di Natale, Pasqua e fine anno. Erano quelle, le occasioni per farsi vedere e conoscere. Poi sono passato da una band scolastica a una band professionale come i Camaleonti".

"Ora vedo che ci sono delle riproposte di quel periodo straordinario di creatività in tutti i settori: il cinema, il teatro, la musica", prosegue Lavezzi, paragonando i tempi contemporanei agli anni '60, "in quegli anni sono nati i Beatles, c'è stata una rottura totale nei confronti del passato, un cambiamento totale dei costumi. Questi ragazzi fanno ricerca: non si accontentano della musica che gira intorno e che va per la maggiore, ma vanno alla ricerca delle cose controcorrente. Uno dei tanti consigli che ho dato ai ragazzi è di trasgredire i canoni, perché è quello che serve oggi. C'è un'omologazione che preoccupa un po' e l'obiettivo di Campus Band è trovare qualcosa di originale".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.