Bryan Adams: 'Dopo 'Room service' pubblichero' un disco acustico'

Bryan Adams: 'Dopo 'Room service' pubblichero' un disco acustico'
Incontrare Bryan Adams in un albergo è inevitabile: il suo nuovo disco, "Room service", è stato registrato tra stanze di hotel sparsi per mezzo mondo, e da brava rockstar il canadese ne ha frequentati parecchi. “Se chiedi a qualunque mio collega, ti dirà la stessa cosa: negli alberghi ci passi talmente tanto tempo che alla fine diventano come casa tua. Ho registrato il disco in questo modo per ottimizzare il tempo”.

“Room service” è quindi un disco “on the road”: non è una novità e gli esempi sono noti. Da “Running on empty” di Jackson Browne a “New adventures in hi-fi” dei R.E.M., la storia dei dischi non registrati in studio ma negli scampoli del girovagare dei musicisti è lunga. “Beh, si, l’idea è simile”, ammette Adams, che Rockol ha incontrato a Verona in occasione della finale del Festivalbar. “Ma ovviamente il risultato è diverso. Ho registrato la maggior parte delle basi in Canada, poi sono andato in giro per il mondo e ho finito le parti vocali”.
La prima tappa è stata Milano, Italia, hotel Four Seasons, nel 2002: “Lì ho provato tutte le canzoni… Cosa si può dire degli alberghi italiani? Beh, che si mangia bene, ovviamente, e che sono tutti molto gentili. Nessuno si è lamentato del fatto che facessi rumore. Piuttosto mi è capitato il contrario: ogni tanto sentivo io del casino di notte…”.
Altra particolarità del disco è la parte visiva. Le foto sono state scattate dallo stesso Adams, che alterna ormai da tempo la carriera di musicista a quella di fotografo; recentemente ha pure immortalato l’ex velina Elisabetta Canalis per “Max” (vedi news). “Mi piace molto fotografare, è ovvio, e lo faccio anche in campi non necessariamente legati alla musica. Quando si tratta poi di curare il mio disco è ancora più stimolante”.

Adams sembra inarrestabile; “Room service” è il suo primo disco di inediti da sei anni a questa parte, da “On a day like today” (’98), ma di fatto non è mai stato fermo: nel frattempo ha pubblicato un “Unplugged”, un best e la colonna sonora di “Spirit”, ed è stato in tour. Non fai in tempo a chiedergli quali siano i progetti futuri che ti spiega: “Ho già pronto un disco nuovo, che uscirà l’anno prossimo. Ho scritto molto negli ultimi anni, e nel prossimo disco sarò io da solo con la chitarra acustica”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.