Sanremo 2016, i Bluvertigo in sala stampa. Morgan: 'La voce? Non rompetemi i coglioni'

Sanremo 2016, i Bluvertigo in sala stampa. Morgan: 'La voce? Non rompetemi i coglioni'

"Io so tutti i vostri nomi: voi sapete i nostri?", dice Morgan, scherzando con i giornalisti, quando si siede dietro al bancone della sala stampa del teatro Ariston. La sua band torna a Sanremo a quindici anni di distanza dall'ultimo posto di "L'assenzio (The power of nothing)" e lo fanno con "Semplicemente", una canzone che è stata scritta dal solo Marco Castoldi e che anticipa la pubblicazione del nuovo album "Tuono - tono, tempo e suono" in uscita a marzo: "Questa canzone, maggiormente rispetto ad altre che ho scritto, ha meno meta-strutture ed è essa stessa semplice come quello che racconta, è autoreferenziale". "E' un brano che è nato in maniera inversa rispetto a quella di Elio", prosegue il cantautore, lanciando una prima frecciatina al collega, "ricerca la semplicità e la normalità rispetto al concetto di forma-canzone, mentre Elio la destruttura. 'Semplicemente' è una canzone che vuole essere compresa".

Perché tornare al Festival? "Sanremo è un bel talent, il padre di tutti i talent. A differenza degli altri, però, non impone schemi. Conti è libero, creativamente parlando", dice Morgan. Che poi, rispondendo a chi gli fa notare alcune imprecisioni nell'esecuzione del brano in gara e della cover di ieri sera, "La lontananza" di Domenico Modugno ed Enrica Bonaccorti, risponde: "Perché mi dovete rompere i coglioni sulla voce? Pensate a Lou Reed: non aveva voce, eppure insieme a Tom Waits e a Frank Sinatra è considerato un faro. Io non sono quello che sono, ma come lo dico. E i Bluvertigo sono una band, ovvero un'occasione per far vedere, anche in modo imperfetto, cosa vuol dire fare musica. Non siamo dei perfezionisti, ma gente che vuole suonare". Proprio in merito alla cover di "La lontananza", la band dice: "Avremmo voluto proporre la versione originale, la Bonaccorti dice che aveva un dialogo molto più lungo rispetto a quello che tutti conoscono".

Alla fine della conferenza, i Bluvertigo lanciano un'altra frecciatina agli Elii: "Sono nostri amici, ma non ci hanno informato che ieri sera suonavano al DopoFestival con Adrian Belew dei King Crimson: ci avrebbe fatto davvero piacere suonare insieme a loro. Noi, invece, che siamo generosi e buoni, li invitiamo ufficialmente: stasera faremo un concerto a Casa Sanremo ed eseguiremo tutti brani di David Bowie, venite a suonare con noi. Se fosse rinato Frank Zappa avremmo telefonato a Elio e a Faso e gli avremmo detto: 'Ragazzi, venite a fare una jam session con noi'. L'invidia e la competitività non fanno parte dell'arte".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.