Ray Davies (Kinks), storica reunion sul palco a Londra con il fratello Dave - VIDEO

Immaginate se sul palco si ritrovassero Noel e Liam Gallagher, dopo le litigate, lo scioglimento e gli insulti a distanza. Ecco: questa è  più o meno la portata di quello che è successo questa notte a Londra alla Islington Assembly Hall.

Perché in tema di fratelli-coltelli nel rock inglese i Gallagher arrivano molto dopo i Davies. La coppia che ha formato i Kinks, Ray e Dave, non si è ritrovata neanche per i 50 anni della band, celebrati solo con ristampe e voci di reunion mai concretizzatesi. Fino a stanotte a Londra, quando Dave ha raggiunto Ray sul palco, per una versione della loro "You really got me". I due non suonavano assieme da quasi 20 anni, dall'ultimo concerto dei Kinks, alla Norwegian Wood di Oslo, Norvegia, nel giugno del '96

Caricamento video in corso Link

Intervistato da Rockol giusto un anno fa, Ray Davies aveva parlato così del fratello e della reunion

Ci sono state speculazioni su una reunion dei Kinks, ma tu hai detto che non avverrà, giusto?

Mi piacerebbe riunire in una sala d’incisione quei due ragazzi, Dave [Davies, il fratello chitarrista] e Mick [Avory, batterista]. A dispetto di quel che dicono, lavorano bene assieme. Mi accontenterei di suonare tutti assieme in un bar. Il problema è che Dave non ama molto Mick. Devono superare il loro conflitto.

 

A proposito di Dave, è stato scritto che “Strangers”, da “Lola vs Powerman”, parla del vostro rapporto. È vero?

Ricordo quando la scrisse. Mi colpirono quei versi carichi d’incertezza: “Where are you going I don’t mind” e “Strangers on this road we are on, we are not two we are one”. Parla di due persone che pur essendo emotivamente legate non si conoscono dal punto di vista psicologico. È una canzone su chi sta assieme e non vorrebbe esserlo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.