Amy Winehouse: il docu-film "Amy" rimane nei cinema italiani. E' il documentario più visto di sempre

Amy Winehouse: il docu-film "Amy" rimane nei cinema italiani. E' il documentario più visto di sempre

Amy Winehouse è passata a miglior vita (si dice così) all’età di 27 anni il 23 luglio 2011 lasciando un grande vuoto tra i suoi fans e tra gli amanti della musica in generale.

Questo il motivo per cui ”Amy – the girl behind the name”, il docu-film del regista inglese Asif Kapadia ha avuto un successo incredibile in Gran Bretagna ponendosi al secondo posto in tutti i tempi quanto a incassi per un documentario.

La cantante inglese era molto popolare e amata anche in Italia tanto che il documentario, proiettato nei nostri cinema il 15, 16 e 17 settembre, a furor di popolo e di botteghino (proprio i cinema hanno chiesto di poter prolungare la programmazione di “Amy”), ha subito una proroga e continuerà ad essere programmato in 28 sale cinematografiche per poter soddisfare le numerose richieste.

Un trionfo avvalorato anche dai numeri: il giorno del debutto nei cinema italiani, martedì 15 settembre, l’incasso del film (253.000 euro) è stato di gran lunga il più alto della giornata staccando di molte lunghezze i “Minions” relegati in seconda posizione (150.000 euro).

Attestandosi quindi come il documentario dal maggior successo di sempre da quando, negli ultimi anni, si sono diffusi i cosidetti ‘eventi al cinema’. Per rimanere in ambito musicale, Nexo Digital che distribuisce “Amy”, ci ha fornito i dati dei loro tre maggiori successi tra i film concerto: su tutti gli One Direction (120.000 spettatori, 1.350.000 euro di incasso), Led Zeppelin (60.000/650.000 euro) e Muse (30.000/300.000 euro).


 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.