Si riformano anche i Cult

Si riformano anche i Cult
Poche sere fa, al celebre "Viper room" di Los Angeles, Ian Astbury e Billy Duffy, i due membri più significativi dei Cult, hanno incrociato nuovamente i propri destini a quattro anni dallo scioglimento del gruppo britannico. I due, accompagnati da Matt Sorum, Duff McKagan (a vario titolo nei Guns N'Roses), John Taylor (Duran Duran) e Steve Jones (ex Sex Pistols), hanno, tra gli altri pezzi, riproposto tre canzoni dei Cult. Astbury e Duffy avrebbero così seppellito i dissapori che li avevano fatti allontanare per, appunto, quattro anni, periodo che per loro, forse non casualmente, si è rivelato di autentiche vacche magre. I due sarebbero intenzionati ad intraprendere un tour estivo col vecchio logo comune e a pubblicare successivamente un nuovo album.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.