James Taylor a Milano, il report del concerto

James Taylor a Milano, il report del concerto

Un cane abbaia, nel silenzio della sala degli Arcimboldi. James Taylor interrompe la storia che sta raccontando prima di cantare una canzone e, senza scomporsi, con un sorriso dice “Easy, dog”. Poco prima, ad una spettrice che aveva urlato il suo amore per il cantante usando un altro momento di pausa, aveva risposto, sempre con un sorriso ironico: “Ma sei davvero tu”?.

E’ anche da questi particolari che si giudica un cantante, dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia, per parafrasare la canzone. E di altruismo il cantautore americano ne ha a pacchi, tanto da passare i 20 minuti della pausa tra le due parti del suo concerto in platea, tra il pubblico, a firmare autografi e a prestarsi a selfie. Quando la band attacca la nuova “Stretch of the highway” lui è ancora lì, tra la gente.

E’ un concerto dalla collocazione strana, quello di James Taylor. Ama l’Italia e l’Italia lo ama: torna nel nostro paese con regolarità - non quella di Patti Smith, ma quasi. Il concerto agli Arcimboldi è l’ultima di 6 date, nonché l’ultimo di un tour europeo, posto curiosamente in anticipo di due mesi alla pubblicazione di “Before this world”, primo disco di inediti in ben 13 anni. Ma a questa fase della carriera, le routine saltano: anche se non ha più inciso nuova musica, James Taylor non ha mai smesso di suonare.

A Milano si presenta con una formazione estesa, di 7 elementi. L’attacco è da brividi: “Something in the way she moves”, “la mia prima canzone”, e ricorda quando la suonò per Paul McCartney e George Harrison, che gli diedero un contratto discografico: “Fui fortunato a trovarmi al posto giusto al momento giusto”, quasi si sminuisce. Poi presenta una delle tre canzoni nuove in scaletta, “Today today today”: il sound è quello di sempre, tra scrittura americana classica, coloriture black (ha ben tre coristi) e qualche accenno folk con il violino. Delle tre novità colpisce soprattutto “You and I Again”, uno dei pochi momenti in cui abbandona la chitarra, per una ballata centrata sul piano, la storia di un amore “adulto”, un “amore che va oltre la vita”, spiega lui stesso. La scaletta è identica a quella di tutte le altre date, e unisce i classiconi, alcuni dei quali nella prima parte come “Carolina in my mind” (“la scrissi mentre ero in studio per i Beatles, perché mi mancava casa”, ricorda), o “Sweet baby James”, ad altre forse un poco meno note ma non meno belle come "Lo and behold" e "Handy man". 

E, ancora una volta, il coraggio e la fantasia di James Taylor vengono fuori nell’uso della sua voce (strepitoso quando gioca a fare il bluesman in “Steamroller"), ma anche negli arrangiamenti, che vanno oltre la classica canzone cantautorale americana, grazie soprattutto ai groove della sezione ritmica, Jimmy Johnson al basso e soprattutto Steve Gadd alla batteria (“Una piccola leggenda”, lo presenta Taylor ed è understatement anche questo, visto la meritata fama che Gadd ha tra artisti e appassionati del genere). 

Se c’è un difetto nello show è semmai nella scenografia, 6 schermi verticali che all’inizio sembrano dei grattacieli luminosi, ma che più avanti mostrano immagini troppo didascaliche (strade su “Country road”, la mappa della Carolina, e così via). Ma sono dettagli: la chiusura di entrambe le parti è un coro unico con “Shower the people” che anticipa l’intervallo e “Mexico” e “Your smiling face” che portano ai bis. C’è tempo ancora per una piccola pantomima che anticipa sia “How sweet it is (to be loved by you)”  sia “You've got a friend”, in cui James Taylor fa finta di consultarsi con la band, come se davvero fosse indeciso se cantare quei due brani. 
Sono passate due ore dall’inizio, e sembra siano passati cinque minuti: è il miglior complimento che si può fare al concerto James Taylor. Un concerto e un atteggiamento che sono l’incarnazione della classe. 

 

SETLIST
Prima parte
Something in the Way She Moves 
Today Today Today 
Lo and Behold  
Wandering 
Everyday  
Country Road 
Millworker 
Carolina in My Mind 
One More Go Round 
Sweet Baby James 
Shower the People 

Seconda parte
Stretch of the Highway 
You and I Again 
Hour That the Morning Comes 
Handy Man 
Steamroller 
Fire and Rain 
Walking Man 
Mexico 
Your Smiling Face 

Encore:
Shed a Little Light 
How Sweet It Is (To Be Loved by You) 
You've Got a Friend 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.