Ludovico Einaudi, a fine aprile esce l'album "Taranta project"

Ludovico Einaudi, a fine aprile esce l'album "Taranta project"

Il 28 aprile esce l’album di Ludovico Einaudi “Taranta project” (Ponderosa/Believe). Un album che fa seguito alle due partecipazioni, 2010 e 2011, del pianista e compositore torinese in qualità di direttore dell’orchestra della Notte della Taranta.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/X6xilE4wQRo785huhR6XZUtU9kk=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/ludovicoeinauditarantaproje.jpg


L’album è la summa di un percorso che ha portato Ludovico Einaudi, dopo aver partecipato alle due edizioni della manifestazione a portare in tour, in Italia e all’estero, il progetto Notte della Taranta. In questa fatica lo hanno aiutato artisti quali Ballaké Sissoko (Rokia Traorè, Vincent Segal), Justin Adams (Tinariwen, Robert Plant), Juldeh Camara (Robert Plant) e Mercan Dede. Più, solo per citarne alcuni, i musicisti e cantanti salentini: Antonio Castrignanò, Enza Pagliara e Alessia Tondo.

Così lo stesso Ludovico Einaudi si esprime su questo progetto: “Taranta project” è il risultato di un processo di rielaborazione del lavoro che ho svolto come Maestro Concertatore della Notte della Taranta, nelle due edizioni, agosto 2010 e 2011.

Il materiale, uno straripante caleidoscopio di suggestioni musicali, è stato oggetto negli anni seguenti di un ulteriore approfondimento, e questo album ne è la testimonianza. La mia visione, nell’incontro con la musica della Taranta, e' stata quella di cercare di far rivivere gli antichi canti della tradizione salentina che un tempo venivano usati per scacciare i mali del mondo, stabilendo una rete di connessioni con altre tradizioni e culture musicali, aspirando a creare un linguaggio universale in cui potessero convivere antico e moderno, sacro e profano, tradizione scritta e tradizione orale. Taranta Project è quindi un progetto che accoglie svariati mondi e modi di fare musica, in cui ciascuno si esprime a livello individuale e al tempo stesso è parte di un grande affresco in cui tutti i linguaggi si amalgamano, si confondono, si annullano, dando vita a un unico flusso corale. I mondi a cui mi riferisco, e a cui hanno contribuito i numerosi musicisti presenti nell'album, sono quello della musica africana, mediorientale ed elettronica, e in un certo senso anche quello della musica barocca, per le sue strutture a blocchi, i cambi di colore dinamici e armonici improvvisi. Questo album è frutto di un poderoso lavoro di gruppo. Amici musicisti mi hanno accompagnato in questo viaggio così denso e per certi versi rocambolesco in cui a tratti ho temuto di perdermi.”.



E prosegue ringraziando quanti lo hanno aiutato in questo lavoro: “Primo fra tutti Mauro Durante, che mi ha iniziato alla conoscenza della musica salentina, la mia bussola nella giungla della Taranta. Il gruppo di voci e strumenti salentini si è lasciato prendere da questa avventura con slancio e finezza musicale ma anche con il calore e la spontaneità di una grande famiglia.Tra gli ospiti, Mercan Dede e i Secret Tribes hanno impregnato di seduzione medio orientale i ritmi della pizzica mentre gli africani JuJu e Ballake Sissoko hanno spinto la Taranta ancora più vicino a un sentimento ancestrale. Infine, Alberto Fabris che senza mai scoraggiarsi ha seguito passo dopo passo tutta la produzione, senza il quale Taranta Project forse non sarebbe mai stato portato a compimento.”


 
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.