MTV EMA 2014: bene One Direction e Ariana Grande. Commento, elenco dei vincitori

A Glasgow, sotto il regno della presentatrice/performer/concorrente/vincitrice Nicki Minaj (nella foto), l'edizione 2014 degli MTV Europe Music Awards (leggi qui la cronaca della serata) non ha offerto picchi di particolare eccitazione: musicalmente parlando, i Royal Blood hanno dato prova di saperci fare (ma nessuno, al proposito, aveva dubbi: più che altro, vederli a proprio agio su un palco del genere lascia supporre che le misure, per prolungare la propria irresistibile ascesa, il duo le abbia già prese), U2, Alicia Keys e Slash, a modo loro, hanno riconfermato il proprio status di giganti (ognuno nel proprio ambito), lasciando alle nuove leve - Charli XCX e Ariana Grande (Ed Sheeran ci sentiremmo di escluderlo dalla categoria, per il piglio dimostrato sul palco) - il compito di mostrarsi e dimostrare di avere la stoffa.

Per il resto, lo spettacolo - dal punto di vista televisivo - è risultato piuttosto slegato, con l'annuncio dei vincitori di categorie anche di peso relegato a treni da tre unità l'uno pre-break pubblicitari, le esibizioni incastonate nel palinsesto della serata quasi fossero videoclip dal vivo e gli spezzoni a mo' di amarcord dalle edizioni piazzati in ordine sparso.

Nicki Minaj, probabilmente, sentiva di essere fuori contesto con un copione da recitare e tempi scanditi al secondo, e quell'imprecazione sfuggitole di bocca che avrà fatto andare di traverso il boccone agli omologhi anglofoni dei Moige ne è stata la prova più lampante: a complicare la vita alla rapper, nelle vesti di presentatrice, ci si sono messi anche gli autori, che le hanno servito battute e sketch nella migliore delle ipotesi stantie (gli scozzesi taccagni, amanti del whisky e del golf), nella peggiore degne del cinepanettone meno ispirato (la buca del green piazzata in mezzo a un paio di chiappe giganti, immaginiamo, non riscriverà la storia della televisione).

Fuori contesto, ma in modo senz'altro più divertente, era anche Ozzy Osbourne, che con una chiosa killer sulla sua pluridecennale carriera ("Poteva andare peggio: potevo essere Sting") è riuscito a strappare un sorriso anche a Slash, chiamato sul palco prima per l'assegnazione del premio e poi per l'omaggio, insieme a Myles Kennedy e i Biffy Clyro, sulle note della sua "Crazy train".

Tra i premiati, pochi sono stati quelli presenti in carne e ossa (Katy Perry, One Direction, Justin Bieber, Linkin Park, 5 Seconds of Summer e Thirty Seconds to Mars hanno fatto ricorso al classico messaggio pre-registrato) e ancora meno i grandi vincitori: gli One Direction sono riusciti a portarsi a casa due statuette in altrettante categorie di peso ("Best pop" e "Best live"), così come Ariana Grande ("Best song", per "Problem", e "Best female"), poi per il resto gli onori sono stati equamente ripartiti, con - al contrario - qualche grande sconfitto (Eminem e Kanye West sono rimasti a bocca asciutta nella categoria Best hip hop, così come Lorde si è vista soffiare dai Thirty Seconds to Mars la palma di best alternative e Arctic Monkeys e Black Keys quella di "Best rock" dai Linkin Park).

E a proposito di mancate vittorie, non c'è stato niente da fare per la nostra Alessandra Amoroso nella competizione con Bibi Zhou, superstar cinese contro la quale, nella categoria "Best Worldwide Act", nulla hanno potuto persino One Direction e 5 Seconds of Summer. Il tricolore, in ogni modo, una piccola vittoria la porta comunque a casa: con il ritorno degli Europe Music Awards nel capoluogo lombardo nel 2015, Milano si unisce al club fino a ieri composto solo da Berlino e Francoforte di città che abbiano ospitato due volte la manifestazione.

Ecco la lista completa dei vincitori degli MTV Europe Music Awards 2014:

Best song: "Problem" di Ariana Grande
Best pop: One Direction
Best hip hop: Nicki Minaj
Best Song With a Message: "Pretty hurts", Beyoncé
Global Icon (già assegnato): Ozzy Osbourne
Best Male: Justin Bieber
Best Rock: Linkin Park
Best Live: One Direction
Worldwide Act: Bibi Zhou
Best Look: Katy Perry
Best Female: Ariana Grande
Best New: 5 Seconds of Summer
Best Alternative: Thirty Seconds to Mars
Best Video: "Dark horse" di Katy Perry
Best World Stage: Enrique Iglesias
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.