Nuovo disco per i Decemberists: 'What a terrible world, what a beautiful world'

Nuovo disco per i Decemberists: 'What a terrible world, what a beautiful world'

I Decemberists hanno annunciato un nuovo album - il successore di "The king is dead" del 2011. Il disco si intitola "What a terrible world, what a beautiful world" e al momento non è nota una data d'uscita ufficiale.

Titolo e artwork del disco sono stati svelati con una trovata peculiare: tramite un murales su un muro del quartiere newyorkese di Williamsburg. Il frontman della band, Colin Meloy, ha anche suonato - in puro stile da busker di strada - alcuni pezzi, tra cui un nuovo brano tratto dall'album (una canzone intitolata "Make you better"). Tutto questo sul marciapiede, proprio di fronte al dipinto.




"What a terrible world, what a beautiful world" sarà il settimo lavoro in studio dei Decemberists.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.