Grateful Dead, nel 2015 un documentario sulla band prodotto da Martin Scorsese

Dopo "L'ultimo valzer - The Last Waltz", su The Band, nel 1978; "No direction home", su Bob Dylan, nel 2005; "Shine a light" sui Rolling Stones, 2008; e "Living in the material world" su George Harrison, del 2011, il regista italoamericano Martin Sorsese torna a occuparsi dei grandi della musica rock, producendo un documentario sui Grateful Dead che dovrebbe essere pronto l'anno prossim, in coincidenza con i cinquant'anni di attività del gruppo, ed essere diretto da Amir Bar-Lev. La supervisione dei contenuti musicali sarà affidata a David Lemieux, archivista ufficiale del materiale del gruppo.

Il documentario, che ancora non ha titolo, racconterà la storia dei Grateful Dead dalle origini ad oggi, e vi prenderanno parte i componenti superstiti della band, Mickey Hart, Bill Kreutzmann, Phil Lesh e Bob Weir (Jerry Garcia è scomparso nel 1995), oltre a collaboratori, amici, fan e altri personaggi che gravitano intorno al gruppo. Ci saranno, naturalmente, oltre alle interviste, molti spezzoni di concerti e molti filmati di backstage.


Hart, Kreutzmann, Lesh e Weir hanno rilasciato questa dichiarazione: “Nel corso degli anni sui Grateful Dead sono state raccontate milioni di storie. All'approssimarsi del nostro cinquantesimo anniversario abbiamo pensato che fosse il momento che la nostra storia la raccontassimo noi… Non c'è bisogno di dire che siamo onorati di collaborare con Martin Scorsese… Il cinquantenario sarà un'altra pietra miliare, e monumentale, da celebrare con i nostri fans".
Da parte sua, Scorsese ha dichiarato: "I Grateful Dead sono più di una band, sono un mondo a parte, popolato da milioni di fans devoti. Sono felice che si faccia questo film e fiero di essere coinvolto nel progetto".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.