50 anni di Moog: la video playlist - VIDEO/AUDIO

Da "Good vibrations" dei Bech Boys agli ultimi Bestie Boys, il Moog in cinquant'anni ha accompagnato negli studi di registrazione gli artisti più famosi. Dalle sperimentazioni dei Beatles alle visioni sonore di Emerson, Lake & Palmer, proseguendo poi con l'energia degli Who, il funk soul dei Parliament, l'eleganza dei Roxy Music, le spigolosità di Kraftwerk e Devo, la new wave dei New Order, per finire poi con l'"americana" rivisitata e corretta da Beck e Wilco, il metal dei Mastodon o l'elettronica (quasi) contemporanea di Air e Chemical Brothers, l'invenzione di Robert Moog ha dimostrato di sapersi trovare a proprio agio nelle mani di chiunque. Sappiamo di aver tralasciato molti - Jeff Beck, Peter Gabriel, e chissà quanti altri - ma le playlist sono per definizione incomplete: in calce alla pagina c'è uno spazio per i commenti, e ogni segnalazione è benvenuta...

Beach Boys, "Good vibrations" - 1966




Diana Ross and The Supremes, "Reflections" - 1967



Doors, "Strange days" - 1967



Beatles, “Here comes the sun” - 1969



Emerson, Lake & Palmer, "Lucky man" - 1970



Who, "Bargain" - 1971



Yes, “Starship trooper” - 1971



Stevie Wonder, "Tuesday heartbreak" - 1972



Roxy Music, "Remake/Remodel" - 1972



Kraftwerk, "Autobahn" - 1974



Donna Summer, “I feel love” - 1977



Parliament, "Flash light" - 1978



Devo, "Mongoloid" - 1978



Lipps Inc, "Funkytown" - 1979



Steve Winwood, "While you see a chance" - 1980



New Order, "Blue Monday" - 1983



Chemical Brothers, "Block rockin' beats" - 1997



Air, "Kelly watch the star" - 1998



Wilco, “A shot in the arm” - 1999



Beck, "Cellphone's dead" - 2006



Mastodon, "Quintessence" - 2009



Beastie Boys, "Make some noise" - 2011



Bonus track(s):



 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.