Nashville, addio a George Hamilton IV

George Hamilton IV, veterano del Grand Ole Opry, l'istituzione custode della tradizione musicale americana, conosciuto come l'ambasciatore mondiale del country a causa del successo riscosso non solo entro i confini statunitensi ma anche in Europa e Regno Unito, è morto ieri, mercoledì 17 settembre, a Nashville: a risultare fatale alla settantasettenne voce nativa del Nord Carolina è stato un attacco cardiaco che l'aveva colpito due settimane fa.

Nato a Winston-Salem, Hamilton - che nel corso della sua carriera ebbe l'opportunità di dividere i palchi con, tra gli altri, Buddy Holly e gli Everly Brothers - raggiunse un primo picco di popolarità nel 1956, quando la sua interpretazione di "A rose and a Baby Ruth" di John Loudermilk si spinse fino al sesto posto nelle classifiche di vendita USA: muovendosi in un territorio a cavallo tra pop e tradizione, l'artista venne nominato membre dell'Opry nel 1960, quando con "Before this day ends" riuscì a conquistare il quarto posto nelle chart d'oltreoceano. Seguì una lunga serie di successi come "Three steps to the phone (Millions of miles)", "To you and yours (From me and mine)" e "If you don't know I ain't gonna tell you", fino a "Abilene" del 1963, che rappresentò - commercialmente - una delle vette più alte della sua carriera, poi tornata alla ribalta decenni dopo con l'inserimento nella colonna sonora del film "Un mondo perfetto" con Kevin Costner e Clind Eastwood.

Anche presentatore televisivo nella seconda metà degli anni Sessanta, Hamilton tra i primi cantanti americani a esibirsi dall'altra parte della cortina di ferro, esibendosi - già tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio dei Settanta, in Unione Sovietica e Cecoslovacchia. Il suo ultimo album, "In the heart of Texas", risale al 2011.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.