Interpol: 'Ci piacerebbe poter non andare in tour. Ma siamo costretti'

Interpol: 'Ci piacerebbe poter non andare in tour. Ma siamo costretti'

In tour, a promuovere il loro nuovo album "El Pintor" - che la Matador pubblicherà il prossimo 8 settembre - ci andranno, è sicuro. E sicuramente passeranno anche dalle nostre parti. Ma - dipendesse da loro - gli Interpol di mettersi on the road farebbero volentieri a meno. O, più precisamente, farebbero quasi a meno, limitando i loro impegni dal vivo in favore di session in studio più lunghe e fruttuose. A dichiararlo è stato il frontman del gruppo, Paul Banks, che nel corso di un'intervista alla testata britannica The Quietus ha spiegato la sua filosofia riguardo a come i tour stiano cambiando il lavoro del musicista: "Mi piacerebbe molto poter non fare quei cazzo di tour", ha spiegato lui, "Sarei pronto a pubblicare tre dischi all'anno se potessimo non farli. Voglio dire: mi piace suonare dal vivo, ma oggi come oggi chi fa il nostro lavoro è costretto a passare molto più tempo in tour che non in studio, perché dalla vendita dei dischi non si guadagna più niente. Questo credo che cambierà il modo di fare album, e forse toccherà adattarsi".

A margine, il chitarrista Daniel Kessler ha dichiarato di essere tutto sommato stupito di pubblicare non nuovo album: "Non pensavo potesse esserci un nuovo disco: volevo farlo perché mi piacciono le canzoni, e perché non vedevo l'ora di farle ascoltare, ma non ho dato nulla per scontato". "Non ci sono stati doppi giochi tra noi, né a livello artistico né a livello personale", ha aggiunto il batterista Sam Fogarino: "Alla fine ci siamo tutti inchinati a qualcosa più grande di noi, cioé il nostro gruppo".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.