Sanremo 2014: il commento alla prima serata

Sanremo 2014: il commento alla prima serata

Lunga, lunga, lunga. E lenta, lenta, lenta. Una prima serata infinita, e non basta come giustificazione l’episodio di cronaca che ne ha rimandato l’inizio. Qui dovremmo parlare di musica, non di televisione, ma è davvero difficile farlo quando le canzoni in gara hanno occupato (forse) un decimo del tempo totale della trasmissione. A memoria, alcuni momenti da conservare in archivio sono stati la “Creuza de ma” iniziale (semplice e intensa) di Ligabue e Mauro Pagani; la “Silvano”, giusto tributo a Enzo Jannacci, che ha chiuso – ed era ora! – l’interminabile siparietto fra Fazio e Letizia Casta; e la “Cha cha chao” dell’immensa, enorme (sia detto senza ironia) Raffaella Carrà. Ingiudicabile, per troppa partecipazione affettiva di chi scrive, l’esibizione di Cat Stevens: che magari adesso fatica a tenere l’intonazione, ma la cui voce è enormemente emozionante per chi è della generazione dei miei coetanei.

Le canzoni in gara, si sa, si capiranno al secondo o terzo o decimo ascolto: quelle che hanno passato il turno, dico, perché delle eliminate non si sentirà più parlare, probabilmente (auspicabilmente?). In quasi tutti i casi, e personalmente ne sono soddisfatto, la scelta è caduta sulla canzone più pop – cioè più popolare, più sanremese – e meno pretenziosetta; è il caso di Arisa, è il caso di Raphael Gualazzi e Bloody Beetroots, è il caso di Cristiano De André (sala stampa in lutto per il risultato della votazione: ma “Invisibili”, diciamolo, è una seduta spiritica). Bella sorpresa della serata? I Perturbazione, che hanno rispettato la platea con un abbigliamento consono all’occasione e con due canzoni intelligentemente pop, ben costruite e bene interpretate – e, aggiungo, ottimamente arrangiate per l’orchestra. Si è chiuso con tre quarti d’ora di ritardo sul previsto; speriamo non diventi un’abitudine.

Franco Zanetti

 

Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.