Jack White contro Dan Auerbach dei Black Keys: 'Uno stronzo che mi copia'

Jack White contro Dan Auerbach dei Black Keys: 'Uno stronzo che mi copia'

Dichiarazioni del genere, di solito, vengono raccolte a tarda ora nei backstage delle serate di gala, quando tra un'intervista e l'altra i drink scorrono a fiumi facendo saltare freni inibitori e fair play tra colleghi. Oppure tra amici in attimi di franca sincerità, anche se in questo caso - a meno che il confidente non sia talmente meschino da "vendere" la conversazione a qualche tabloid - difficilmente poi le vediamo ribattute dai giornali. Lo sfogo di Jack White nei confronti di Dan Auerbach, chitarrista e cantante del duo Black Keys, la cui formazione (un cantante-chitarrista e un batterista) ricorda effettivamente quella dei

White Stripes, non è frutto né di una dichiarazione strappata dopo diversi bicchieri di troppo né di un'indiscrezione della classica "fonte vicina al gruppo", ma è depositata presso un tribunale americano e messa agli atti nel corso di un processo che più serio non si potrebbe.

Cerchiamo di contestualizzare, facendo giusto un passo indietro: l'ex moglie di Jack White, Karen Elson, ha inoltrato presso la corte di Nashville una domanda - poi accolta dal giudice - di ordinanza restrittiva nei confronti dell'ex coniuge, accusato di essere minacciare tanto la donna quanto i due figli avuti dalla coppia. Tra la documentazione presentata insieme all'istanza figurano dei carteggi via email intercorsi tra i due, finiti - manco a dirlo - nelle mani di TMZ, sito americano specializzato nei leak di documenti ufficiali.

Tra gli altri scambi di messaggi portati all'attenzione delle autorità come prova, ne figura uno dove i due discutono sull'opportunità di mandare i figli nella stessa scuola frequentata dalla figlia di Dan Auerbach, anch'esso residente a Nashville.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/ZyVFCw9fjypgGfXHrhFr89StR1w=/700x0/smart/%2F%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fmailwhitedabk.JPG


"Le mia preoccupazione su Dan Auerbach è che non voglio che i miei figli vengano coinvolti in queste stronzate", scrive White all'ex moglie: "(...) Esiste la possibilità per i prossimi dodici anni che io - durante una riunione di genitori - sia costretto a sedermi nel banco di fianco a quello stronzo con tutti gli altri ansiosi di vederci fare comunella. (...) Lui avrebbe nuovamente carta bianca nel seguirmi, nel copiarmi e nell'insinuarsi nel mio mondo".

Lo scorso 2 agosto i legali di White hanno presentato una contro-istanza presso la Davidson County Court, sempre a Nashville, in risposta alle ultime mosse dell'ex moglie: "La ragione della messa agli atti di questa risposta è che il nostro assistito non vuole assolutamente passare per quello che non è", si legge nelle carte consegnate al tribunale, "ovvero un violento nei confronti della propria moglie e dei propri figli".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.