Comunicato Stampa: 'Brian AUger's Oblivion Express - Italian tour 2003'

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

SLANG MUSIC
www.slangmusic.com

presenta

BRIAN AUGER'S OBLIVION EXPRESS
- Italian Tour 2003 -

18/02/2003
Milano - Zythum
19/02/2003
Ripalimosani (CB) - Blue Note
20/02/2003
Cagliari
21/02/2003
Cortemaggiore (PC) - Fillmore
22/02/2003
Vicenza - Sala Palladio c/o Fiera

BRIAN AUGER'S OBLIVION EXPRESS

Brian Auger, Hammond B3, piano
Savannah Auger, vocals
Mark Meadows, bass
Karma Auger, drums

Diversi anni fa in una terra lontana, un illuminato artista intuì l'enorme potenzialità di miscelare tra loro jazz, funky e r'n'b in nuovo ibrido musicale. La terra era l'Inghilterra, gli anni erano i primi '60 ed il musicista era Brian Auger. Il suo strumento favorito è sempre stato il classico organo Hammond B3 dal caldo, ricco ed inconfondibile suono, con cui ha forgiato uno stile personale che è un marchio di fabbrica insensibile all'incedere del tempo. Oggi dopo oltre trent'anni di inarrestabile carriera Brian ha costituito i nuovi "Oblivion Express" e registrato un nuovo album "Voices Of Other Times", combinando tra loro gli stessi elementi di un tempo ma che oggi può abbracciare come vecchi amici e sospingere in nuove direzioni.

Brian Auger, organista Hammond di grande talento, inizia la sua carriera professionale a Londra nel 1963. Due anni dopo forma il gruppo "Steampacket" dei quali fanno parte personaggi quali Long John Baldry, Julie Driscoll e Rod Stewart. Nel 1967 con la stessa Julie Driscoll ha inizio l’esperienza "The Brian Auger Trinity": la band riscuote un grandissimo interesse in Inghilterra e nel resto del mondo, pubblicano l'album "Open" e ottengono il primo posto nelle classifiche inglesi. Il successivo "Save Me" raggiunge la vetta anche nella classifica di vendite in Francia. The Brian Auger Trinity è il primo gruppo jazz-fusion a partecipare con grande successo ai più importanti festival jazz europei (Montreaux Jazz Festival e Berlin Jazz Festival). Il suo primo tour negli Stati Uniti è del 1969, occasione in cui presenta l'album "Streetnoise" che viene considerato da pubblico e critica americana il primo album Jazz Fusion. All'inizio dei '70 fonda gli "Oblivion Express", che guida fino al 1975 pubblicando diversi album di successo (tra cui "Closer To It" e "Straight Ahead") ed è protagonista di estenuanti tour in tutta Europa. Si trasferisce quindi negli U.S.A. dove continua l'attività artistica, alternando situazioni di session-man a momenti di notevole vena creativa. Ritorna in Europa e all'inizio degli anni '90, dopo diversi episodi da solista, con l'amico Eric Burdon forma il gruppo "Eric Burdon & Brian Auger Band" che registra nel 1993 il doppio CD live "Access All Areas". Brian ha così una nuova svolta nella sua carriera che gli permette di ottenere ingaggi dagli U.S.A. al Messico, dal Giappone alla Svizzera. Dal 1995 investe le sue energie nei "New Oblivion Express", formazione con cui pubblica l’ultimo album "Voices of Other Times" e con cui tuttora continua la sua interminabile attività live in Europa.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.