‘Musica dei cieli 2002’ con Eugenio Finardi, Raiz degli Almamegretta e Radiodervish

‘Musica dei cieli 2002’ con Eugenio Finardi, Raiz degli Almamegretta e Radiodervish
Si ripropone anche quest’anno “Musica dei cieli”, la rassegna musicale di Milano e provincia, dedicata a rintracciare voci e musiche nelle religioni del mondo, organizzata dal Settore Cultura della Provincia di Milano, in collaborazione con l’associazione culturale Vagalume e il Servizio Parola, Liturgia, Dialogo dell’Arcidiocesi di Milano.

Come nelle passate edizioni, la rassegna, che si terrà dal prossimo giovedì 12 fino a lunedì 23 dicembre, proporrà una serie di concerti di musica sacra e d’ispirazione religiosa che si terranno all’interno di alcuni dei più suggestivi luoghi di culto della città di Milano (come la Basilica di San Lorenzo e la chiesa di Santa Maria del Suffragio) e dei suoi comuni.
Due sono stati i temi che hanno guidato gli organizzatori nella scelta degli artisti in programma quest’anno: la musica popolare, sia italiana che etnica, e il tempo.
Fra gli ospiti della nuova edizione figurano quest’anno il duo italo-libanese dei Radiodervish, che si esibiranno il 22 dicembre riproponendo le canzoni del loro album “Centro del mundo”; la voce degli Almamegretta Raiz, che si esibirà sabato 14 nello spettacolo di Luigi Cinque, “Il respiro del fuoco”, con il cantore israeliano Emil Zrihan, e il musicista armeno Djivan Gasparyan; la formazione afgana di musica tradizionale degli Ensemble Kaboul, che suonerà il 17 dicembre; il musicista indiano Pandit Hariprasad Chaurasia, che a settantacinque anni è considerato il più autorevole suonatore di bansuri, tradizionale flauto indiano (15 dicembre), e il cantautore milanese Eugenio Finardi, che con il suo spettacolo “Lo spirito e il silenzio”, aprirà la rassegna il prossimo venerdì 13 settembre.

E proprio Finardi, presente alla conferenza stampa che si è tenuta oggi, martedì 10 novembre, a Milano, sintetizza il senso dell’intera manifestazione: “La musica è l’arte più vicina all’infinito: usa le leggi della fisica. E' il territorio dell’armonia e dell’ordine, dove finito e infinito s’incontrano. Ed è una prerogativa dell’uomo sentire l’assoluto e tenderci. La musica sacra, a qualsiasi religione si riferisca, è l’espressione di questa tensione. Mi sono accostato alla musica sacra da laico, sebbene nel massimo rispetto, assieme ai miei musicisti, artisti di grande e riconosciuta sensibilità come Vittorio Cosma, compositore, Giancarlo Parisi, polistrumentista, e Francesco Saverio Porciello, grande chitarrista autodidatta, che sono le persone più spirituali che conosca. Nel nostro spettacolo, ‘Lo spirito e il silenzio’, proporrò una mia versione della corale 147 di Bach, una rilettura in fado dell’”Ave Maria”, realizzata da Amalia Rodriguez, oltre a canzoni per me molto spirituali, tratte da Leonard Cohen, Fabrizio De André, Procol Harum e Beatles”.
Dedicate, invece, al tema del tempo saranno l’esibizioni di Antonella Ruggero, presenza ormai abituale della manifestazione, che assieme al quartetto d’archi Arkè presenterà “Sacrarmonia”, ispirato al suo ultimo disco (vedi News); di Roberto Scacciapaglia che si esibirà nell’esecuzione di “Tempo fugit”, sua composizione ispirata all’Appello alle Nazioni del Salmo 116; e del sassofonista jazz Claudio Fasoli, che suonerà la sua opera “Inner sounds of seven hours”, ispirata al volume del poeta W.G. Auden “Le ore canoniche”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.