Comunicato Stampa: 'Spot Music Award'

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

A CORTO CIRCUITO 2002 NASCE

SPOT MUSIC AWARD:

TRA I PREMIATI FRANCO GODI E I GABIN

L'idea di far nascere all'interno di CORTO CIRCUITO 2002, il primo festival annuale internazionale su cortometraggi, news, videoclip, televisione, documentari d’architettura e arte contemporanea con la direzione artistica di Franz Cerami (Napoli- Teatro Mediterraneo ‘Mostra d’Oltremare‘ dal 15 al 17 novembre ‘ingresso gratuito’ h 15/24), un premio dedicato alla musica creata per la pubblicità e usata nella pubblicità deriva da un riflessione: in Italia questo campo è guardato ancora con un doppio pressappochismo, da un lato lo snobismo moralistico di chi considera svilente l'abbinamento tra musica e spot televisivi, dall'altra la mancanza di riflessione di un mercato onnivoro e capace di segnali anche contrastanti.
Ecco allora il lancio degli Spot Music Awards, quest'anno consegnati quasi di diritto ai Gabin, per lo spot Telecom con la loro trascinante "It don't mean a thing", e, alla carriera, a Franco Godi, autore di Caroselli indimenticabili ("Bidibodibù", "Olivolì-Olivolà"...) ma anche di più recenti e premiatissimi spot (Fiat Uno Rap, Sao Cafè....). Due estremi di un universo in velocissima mutazione: Godi scriveva musiche e canzoni per la pubblicità, oggi la pubblicità usa musiche e canzoni già preesistenti, come quella del duo di "Doo Upa", che a loro volta usano lo spot per raggiungere più rapidamente le hit parade. Il successo raggiunto in Italia dai Gabin, ma anche da Archive (spot Bmw), Goldfrapp (ancora Bmw), Hooverphonic (Smart), Garbage, Moby, Koop... dimostra come la pubblicità possa aiutare l'affermarsi di sonorità e artisti interessanti, che magari faticherebbero altrimenti ad imporsi. E l'uso di brani storici, da Dylan ai Doors, suggerisce riflessioni sulla decontestualizzazione e la revisione della storia stessa del jazz e del rock.
E di questo che si parlerà preparando le prossime edizioni degli Spot Music Awards, che si parlerà nell'incontro (sabato 16 novembre ore 17) con Franco Godi e Federico Vacalebre, direttore della giuria del neonato premio, che si parlerà osservando la retrospettive di caroselli che vedono protagonisti della canzone, da Frank Sinatra a Patty Pravo, da Renato Carosone a Gianni Morandi, da Dalidà a Domenico Modugno, da Mina a Renato Carosone, da Lucio Dalla a Aurelio Fierro (prodotto da Teche Rai per la regia di Silvana Palumbieri).
Dall'archivio di Rockol - I migliori album tributo del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.