Truth Hurts trascinata in tribunale per la sua canzone 'Addictive'

Una compagnia musicale e cinematografica indiana vuole far sborsare a Truth Hurts la bellezza di 500 milioni dollari per via del campione utilizzato nel pezzo “Addictive”. La Saregama India Limited (questo il nome della compagnia con sede a Bombay), parla di violazione dei diritti d’autore e intende trascinare in tribunale la cantante, la Interscope Records, la Universal, la Aftermath Records e il produttore del disco Dr. Dre. "Addictive" usa una porzione di un pezzo di vent’anni fa intitolato "Thoda resham lagta hai" di Lata Mangeshkar, senza il permesso della Saregama, che ne possiede i diritti. “Non solo nel brano si ascolta la voce del cantante originale, ma anche la melodia è stata interamente rubata”, ha riferito l’avvocato dell’accusa, Dedra S. Davis. L’udienza preliminare è prevista per il prossimo 22 novembre a Houston, Texas.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.