‘Bondo bondo’: ecco il nuovo disco della Bandabardò

‘Bondo bondo’: ecco il nuovo disco della Bandabardò
Uscirà il prossimo 6 settembre per l’etichetta Danny Rose il nuovo disco della Bandabardò, intitolato “Bondo bondo”.
Il disco, che segue l’uscita del live “Se mi rilasso …collasso” del 2001, contiene 13 canzoni inedite, legate da un uno stessa filo conduttore. Tema centrale del disco a cui s’ispirano tutti i testi dei nuovi brani, è, infatti, l’irrisolta domanda: perché l’uomo combatte e per cosa?
Apre il disco l’urlo di Mick Jagger che durante il concerto dei Rolling Stone ad Altamont rivolgeva la stessa domanda ai suoi fans, affollati e pigiati contro il palco, appena sotto di lui.
Al disco ha collaborato, fra gli altri, anche Max Gazzè che canta nelle canzoni “Sette sono i re” e “Pinto Stefano”. L’uscita dell’album sarà seguita da una tournée della Bandabardò in Italia che avrà inizio i 5 settembre a Pisa.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.