Tutto su tutti i festival rock e dance dell'estate britannica

Tutto su tutti i festival rock e dance dell'estate britannica

Nutrito e variegato, come al solito, il panorama dei grandi festival britannici dell'estate.

Per quanto riguarda rock e pop, il primo in cartellone è il Fleadh, definito "una delle migliori scuse per far festa a Londra". Molto popolare tra la comunità irlandese, che si scola regolarmente camionate di Guinness, l'edizione di quest'anno si svolge al Finsbury Park della capitale britannica il prossimo 8 giugno con un cast in cui spiccano Pogues, Joe Strummer, Proclaimers e Cornershop. Si passa quindi direttamente al clou: il festival di Glastonbury, a Pilton, Somerset. Il popolare "Glasto" prosegue la sua corsa da una trentina d'anni e non mostra segni di cedimento. Sempre animato dall'ormai storico patròn, Michael Eavis, quest'anno va in scena dal 28 al 30 giugno. I 110.000 biglietti sono già stati tutti venduti nonostante un particolare che in Italia farebbe forse inorridire: non è stato ufficialmente reso noto alcun artista che vi prenderà parte. Il cartellone sarà infatti comunicato solo il 19 giugno. Ma al Glasto i nomi contano solo fino ad un certo punto: l'importante è lo spirito, la voglia di stare insieme, e se a chiudere sarà una nuova band di moda od un vecchio babbione, la cosa è praticamente indifferente. Dopo il Glasto c'è il Move, in programma dal 10 al 13 luglio a Manchester. Il giorno 10 si esibiranno tra gli altri David Bowie e Suede, l'11 Green Day e No Doubt, il 12 Paul Weller e Ian Brown, il 13 New Order e Doves. Nei giorni 13 e 14 luglio, a Balado nei pressi di Kinross, in Scozia, va in scena il T In The Park. Al festival tornano per la prima volta dal 1994 gli Oasis, ma anche il resto della lista è interessante: Starsailor, Gomez, Foo Fighters, Chemical Brothers, Primal Scream, Green Day e Doves. Dal 19 al 21 luglio ecco il Guildford dell'omonima cittadina: sul palco Jools Holland, Fun Lovin' Criminals, Levellers, Mercury Rev, Pretenders, Echo & The Bunnymen, Hawkwind e Stranglers. Pausa per quasi un mese, poi si riprende con gli ultimi due botti. Il V2002, dal 17 al 19 agosto, si svolgerà come nelle scorse edizioni in due località differenti, Hylands Park a Chelmsford e Weston Park nello Staffordshire, con gli artisti che migreranno da un posto all'altro. La line-up comprende Stereophonics, Travis, Chemical Brothers, Supergrass, Elvis Costello, Soft Cell, Bluetones e Nickelback. Infine un gradito ritorno: il festival di Reading & Leeds, dal 23 al 25 agosto, al quale hanno promesso di partecipare Strokes, Prodigy, Offspring, Pulp, Jane's Addiction, White Stripes, Foo Fighters. E, che ci si creda o meno, Guns N'Roses. Ma solo per la data di Leeds. E se Axl non cambia di nuovo idea. Per quanto riguarda la dance, il primo appuntamento è fissato già per i giorni 1 e 2 giugno, quando l'Homelands (al Matterley Bowl, nei pressi di Winchester) accoglierà Basement Jaxx, Sasha, Pete Tong, Roni Size, Jeff Mills e Carl Cox. Il 22 giugno a Turweston Park c'è il Gatecrasher con Chemical Brothers, Paul Oakenfold, Judge Jules e Danny Tenaglia. Il 13 luglio, a Clapham Common, Londra, si balla con lo Schoolfields che prevede un tuffo nelle atmosfere anni Ottanta: l'MC sarà Suggs dei Madness, sul palco Human League, ABC e (a volte ritornano) Limahl. Ultimo grande rendez-vous con due festival che, purtroppo per gli appassionati, sono previsti per lo stesso giorno, il 27 luglio. In tale data occorrerà scegliere tra il God's Kitchen (aeroporto di Long Marston, vicino a Stratford-upon-Avon: chissà cosa ne avrebbe detto Shakespeare), con Paul Oakenfold, David Morales, Sister Bliss ed altri, ed il Cream (aeroporto di Speke, nei pressi di Liverpool) con Faithless ed Underworld.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.