Charlotte Church è ‘sedere dell’anno’: la questione finisce al Parlamento

Un sedere è finito sui banchi del Parlamento gallese.

Si tratta di un posteriore famoso quasi quanto quello di Kylie, ed appartiene a Charlotte “voce d’angelo” Church. La cantante, che da un repertorio di stampo classico mediterebbe di passare al pop, nello scorso febbraio ha compiuto 16 anni ed ha pensato d’allontanarsi un po’ dall’ala protettiva dei genitori. Cos’abbia fatto non si sa, ma dopo pochi giorni ha vinto un premio che si chiama, che vi crediate o meno, “sedere dell’anno”. Ma adesso la questione è finita all’assemblea dei deputati gallesi. Molti parlamentari hanno espresso la loro preoccupazione per il fatto che siffatti premi possano indurre, in qualche modo, allo sfruttamento dei minorenni. Si è mosso lo stesso premier del Galles, il signor Rhodri Morgan, il quale ha invitato l’industria dello spettacolo a non oltrepassare la soglia della decenza. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.