Le rockstar: i veri ladri sono le case discografiche

Le rockstar: i veri ladri sono le case discografiche
E’ crisi nel mondo della discografia ed è crisi per le star della musica, che si ribellano contro il music business. Peter Paterno, l’avvocato dei Metallica, è stato uno dei primi a parlare, ma contro i sistemi illegali di distribuzione della musica nella grande Rete: “I ragazzi pensano che la musica sia gratis. Ormai si sono abituati a non pagarla”. Mentre i dischi non vendono più, nei negozi vanno a ruba i CD vergini che tutti acquistano per poter “clonare” la musica: un dollaro contro i venti di un CD d’autore non lascia il minimo dubbio agli acquirenti. Si tenderebbe a pensare che i musicisti, ovviamente anch’essi colpiti dalla crisi, si stiano scagliando ferocemente contro i falsificatori; invece nel loro mirino ci sono proprio le case discografiche accusate di essere le vere ladre dei diritti d’autore. E così molti artisti tra i quali Courtney Love, gli Eagles, Sheryl Crow e i No Doubt, il 26 febbraio hanno organizzato a Los Angeles quattro concerti per protestare contro i capitalisti del disco. L’accusa dei musicisti è molto grave: non esiste chiarezza sul modo in cui le case discografiche calcolano i diritti d’autore che spettano ad ogni artista. Nonostante tutto le multinazionali del disco non riescono a porre rimedio alla crisi, nemmeno con le soluzioni più ovvie come la riduzione del prezzo dei CD e l’offerta di canali alternativi di distribuzione su Internet. E intanto Piero La Falce, il direttore della Universal, chiede lo stato di crisi (vedi news). (Fonte: La Repubblica)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.