L’immagine shock di Andrew WK

Andrew WK è stato etichettato come l’ultimo prodotto del rock maledetto, a causa della copertina shock del suo nuovo disco intitolato “I get wet”, che lo ritrae con il volto sporco di sangue. “Volevo quella foto e non l’ ho cambiata nemmeno davanti a queste critiche”, ha spiegato il rocker, “e non penso che suggerisca violenza. Andiamo, qui si tratta di cantare e smettiamola di attribuire alla musica significati che non ha: io mi diverto e cerco di far divertire il più possibile anche il pubblico”. Al termine del suo concerto a Copenhagen si è capito finalmente il vero significato di quella tanto contestata copertina: la sua maglietta è sporca di sangue: “Mi tiro delle ginocchiate sul naso ogni volta che scalcio”, ha detto Andrew. Una spiegazione data con un’espressione alquanto orgogliosa ed accompagnata da un’affermazione un po’ edonistica. “Voglio essere come una grande esplosione, suscitare reazioni a catena”. (Fonte: Il Corriere della Sera).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.