Comunicato Stampa: Mad Professor

Comunicato Stampa: Mad Professor
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it . La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Dopo l'ottima affermazione della XVI edizione del festivaldi Time Zones, ritorna l'appuntamento con la club culture, il venerdì al Jimmy'z Club di Mungivacca (Bari). Un primo appuntamento per una residenza di un mensile in cui i bpm saranno protagonisti con i dj della scena italiana e internazionale più prestigiosi: Mad Professor (25/01), Asian Underground Collective featuring Badmarsh & Feel Good Productions (01/02), Alessio Bertallot (08/02) e Taranta Night feat. Mascarimirì, Dj Bellezza & Alpha Base (15/02).

Bass Culture e Time Zones
presentano
Venerdì 25 gennaio 2002
Mad Professor + Zakeya + Sister Audrey Anacy + Spider
Jimmy z Club (Bari)
Unica data Sud Italia

Per chi non lo sapesse, Mad Professor è uno dei più grandi maestri del dub, autentico pioniere in UK di questa forma musicale giamaicana. La sua etichetta Ariwa records rappresenta un marchio di fama internazionale del reggae inglese, grazie all'inconfondibile suono creato Mad Professor nel suo mitico studio. Il "professore matto" ha prodotto oltre 130 album dal 1979 ad oggi, molti dei quali dub, come la celebre serie "Dub me crazy" che negli anni '80 ha contribuito ad estendere la "mania" del dub anche fuori dai circuiti del reggae. Da sempre musicalmente versatile, la firma di Mad Professor negli anni '90 è stata molto richiesta anche nel mercato dei remix. Infatti oltre ai grandi artisti reggae della sua etichetta (Macka B fra tutti), hanno beneficiato del suo "tocco" anche Lee Perry, Massive Attack, Jah Shaka, Sade, The Orb, Africa Unite, 99 Posse e moltissimi altri. Nel suo dub-show Mad Professor utilizza un ADAT a 8 tracce, un rack di effetti, ed un mixer per combinare il tutto, filtrando, equalizzando e mixando dal vivo. Le tracce originali vengono così follemente trasfigurate dal vivo, amplificate dal potente sistema del suono di I&I Project.
Fra i vocalist dell'Ariwa che completeranno il suo live a Bari, spiccano quelli di due donne: la nota cantante roots SISTER AUDREY, e la nuova rivelazione della scena dance hall inglese ZAKEYA. Stilisticamente si tratta di una proposta fondata sulla tradizione roots reggae del dub, ma che non mancherà di spaziare in varie direzioni, dalla dancehall al drum'n'bass, come succede nell'ultima produzione dell'Ariwa: "Techno reggae party", di Mad Professor e Lee Perry.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.