Calcio e sesso: ecco gli Alcazar

Gli Alcazar, trio danzereccio svedese, hanno presentato oggi a Milano il loro nuovo singolo “Sexual guarantee”. Nell'attesa che la conferenza stampa iniziasse i tre ragazzi hanno cominciato a fare amicizia con i giornalisti, facendoci scoprire che Annikafiore, l'alta e ramata vocalist, tifa Arsenal, mentre, Andreas sa leggere perfettamente l'italiano e, come ci confermerà più tardi, reputa il nostro paese la sua seconda casa.
Gli Alcazar sono nati due anni fa, quando Andreas Lundstendt ha voluto unire alla sua voce quelle di Tess e Annikafiore. “Il nome Alcazar non ha alcun significato specifico, ma nei paesi europei assume un suono molto meditteraneo, esotico, in svedese non ha lo stesso effetto. E poi è una tradizione, Alcazar, negli scaffali dei negozi, lo trovi tra i dischi di Abba, Ace of base e Dr. Albarn”.
Parlando del loro ultimo singolo le due prosperose cantanti hanno voluto subito sottolinearne il significato. “'Sexual Guarantee' non parla solo di sesso, ma riguarda il vestirsi bene, uscire, ballare, flirtare e sentirsi sexy”, ha raccontato la bionda Tess, “Sappiamo bene che in Svezia le ragazze sono molto “franche”, sessualmente libere, ma la canzone non parla certo di questo”. Non per niente per lungo tempo le ragazze svedesi sono state le regine dell'immaginario erotico degli italiani e probabilmente queste due cantanti porteranno fieramente avanti questa tradizione”.
“Sinceramente non ci aspettavamo questo successo”, ci spiega Andreas ”ma la gente ha accolto bene la nostra musica. Noi ci sentiamo degli artisti internazionali, suonare in svedese è così comune”.
Tra le ispirazioni dichiarate di questo gruppo ci sono sicuramente gli Abba, ma tutta la musica degli anni '80 fa da comune denominatore nelle loro canzoni, non per niente in “Casino”, il loro primo disco (ora riedito) compare una cover degli Human League. “Ci sentiamo molto più legati alla pop-culture che alla club-culture”, spiegano i tre,”ma è comunque molto bello la reazione che hanno i ragazzi nei diversi club quando un nostro pezzo viene fatto ascoltare”.
“Amiamo suonare dal vivo, preferiamo sempre non usare il playback anche se le basi sono preregistrate. Di solito quando il pubblico è difficile, e in Svezia i ragazzi sono molto timidi, ma non le ragazze”, sottolinea ancora una volta Annikafiore (che ci sia un messaggio nascosto che dovremmo cogliere?), “per noi esibirci diventa una sfida e riuscire a coinvolgere il pubblico è veramente una soddisfazione”.
Il tempo è scaduto, come da prassi, ci si saluta, noi speriamo di rivederli loro sperano di tornare, ma non sanno quando durerà ancora il loro successo. “Il primo singolo è andato bene, ora anche il secondo è piaciuto molto, speriamo che venga anche un terzo” e fin che gli va bene lasciamoli divertire.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.