Marc Anthony chiamato in causa per violazione del diritto d'autore

Marc Anthony è stato chiamato a comparire davanti a un tribunale degli Stati Uniti, perché la sua “I need to know”, sarebbe stata copiata illegalmente da un brano registrato all’Ascap (società che tutela il diritto d’autore negli Stati Uniti) da Daniel Agren. Agren ha citato in giudizio Athony, la Sony Music e il produttore Cory Rooney, accusandoli di aver “utilizzato illegalmente materiale coperto da diritti d’autore”.

Orin Snyder, legale di Anthony, ha definito il ricorso di Agren un oltraggio: “Marc Anthony e Cory Rooney scrissero da soli ‘I need to know’, senza l’aiuto di nessun altro. I presupposti da cui parte il ricorso sono talmente frivoli che ci auguriamo che la causa venga archiviata immediatamente”. Il singolo interpretato da Marc Anthony nel 1999, arrivò fino alla posizione n.3 della classifica “pop singles chart” di Billboard.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.