UWT, ‘Piatto forte’: ‘Gli ingredienti? Beat nostrani, ironia ed irriverenza'

E' finalmente pronto da gustare "Piatto forte", ultima fatica in studio degli Useless Wooden Toys. DJ e beatmaker, Riccardo Terzi e Gilberto Girardi hanno dato alla luce un progetto, in cantiere da due anni, ricco di collaborazioni illustri e "featuring" direttemente provenienti dalla scena indie ed underground prettamente italiana. Rockol ha incontrato i due assi della consolle per parlare con loro del disco appena uscito, della scena clubbing nel nostro Paese e dei loro progetti futuri. "L'abum è il frutto di un progetto che ha necessitato due anni di incubazione, volevamo dedicare il tempo necessario affinchè fosse un lavoro fatto per bene. Non è il nostro primo disco pubblicato, prima abbiamo realizzato i nostri lavori con 'La valigetta', indie label nostrana. 'Piatto forte' racchiude il nostro lato più pop di produrre dance, volevamo un po' sdoganare il genere per renderlo fruibile al 'grande pubblico'. Per farlo, ci siamo avvalsi della collaborazione di artisti del panorama alternative italiano, come gli Amari, Il Genio e gli Ex Otago, e della scena hip hop nostrana come Dargen D'Amico ed il Piotta. Ci siamo affidati, inoltre alla produzione di Tommaso Colliva dei Calibro 35: cercavamo qualcuno che non provenisse dall'electro per seguirci in questo nuovo lavoro. I 'featuring' sono stati realizzati con la massima collaborazione, sia da parte nostra che da parte degli artisti coinvolti, Di solito realizziamo i brani partendo da campioni, ma questa volta ci è capitato di plasmare i beat su un testo già pronto, come nel caso degli Amari. Testualmente, abbiamo cercato di adattare le parole composte da chi abbiamo coinvolto nel disco alla musica dance: il brano con Dargen non è stato limato di una virgola, mentre Alessandra de Il Genio è stata bravissima a modellare il suo cantato su metriche differenti dal suo background. E' venuto fuori un mix davvero interessante, un 'Piatto forte' ricco di ingredienti vari ma che insieme stanno davvero bene", afferma Riccardo. "Il concetto di 'Piatto forte' vuole esprimere due concetti: il primo si connette con la cultura hip hop, che da sempre flirta con l'electro, di auto-esaltarsi, di celebrare se stessi ed il proprio lavoro. L'altro è un gioco di parole che ha a che vedere con il termine 'piattume': è un po' una critica a ciò che c'è in giro ma in forma autoironica. La copertina raffigura un pugno sferrato su un viso, che esprime graficamente molto bene il concetto del titolo del disco. Il pugno, però, ha sei dita. E' fuori dal comune, innovativo, come le nostre produzioni, cantate per scelta in italiano: abbiamo deciso di differenziarci utilizzando la nostra lingua, è un modo per farsi notare", prosegue Gilberto. Il brano trainante del nuovo lavoro degli Useless Wooden Toys è "Il tirannosauro", che ha attirato anche l'attenzione del programma televisivo 'Blob': "'Il tirannosauro' può essere chi vuoi tu, ma ascoltando bene il testo, nonostante sia giocato sul suono delle parole, si comprende a chi è riferito. Il pezzo è piaciuto molto anche agli autori di 'Blob', che lo hanno utilizzato spesso per il programma. Ci piace molto trattare i temi 'caldi' di attualità utilizzando l'ironia. Portiamo all'attenzione di chi ci ascolta temi sociali, come il precariato, la sfiducia dei giovani nel futuro ed anche l'ecologia, affiancandoli a beat electro e utilizzando testi divertenti. Potrebbe essere, in un certo senso, una dance educativa. Essere passati ad una major, nonostante le critiche, non ci ha fatto perdere il contatto con la realtà, anzi. Proveniamo da una scena, molto prolifica al nord-est, che si è sempre mossa nell'underground e si è dovuta scontrare, fino a qualche tempo fa, con l'aspetto 'commerciale' della discoteca. Personaggi cone Crookers e Bloody Beetroots hanno fatto la differenza. La dance, adesso, soprattutto in città tipo Berlino, è suonata nei palazzetti, come il rock. Il pubblico italiano è pronto alla nostra proposta musicale. E' segno che qualcosa si sta muovendo", dicono i due DJ. "Piatto forte" sarà presentato dal vivo da Riccardo e Gilberto con alcune date nei principali club italiani: "Di sicuro ci sarà una festa di lancio a Milano prossimamente, poi, da ottobre, vorremmo portare il disco in tour. Daremo molta più attenzione alla pista, dandogli una connotazione maggiormente 'clubbing' in senso stretto. Il nostro obiettivo, però, sarebbe realizzare un live vero e proprio, suonato dal vivo. Passo dopo passo, ci stiamo costruendo la strada per raggiungere il nostro sogno", concludono i due artisti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.