Processo Puff Daddy-Shyne: tra altre accuse e contraddizioni

Terminato il terzo giorno del processo a Puff Daddy ed a Shyne per la sparatoria del dicembre ’99 al “Club New York”. Le cose per i due non si mettono bene: un secondo testimone, John Mahama, ferito nel corso dell’evento, ha testimoniato d’aver visto il rapper Shyne (Jamal Barrow) sparare per tre volte. Robert Thompson, anch’egli colpito da un proiettile alla spalla, aveva riferito d’aver visto Shyne con in mano una pistola, sebbene non si sia detto certo d’essere stato colpito proprio da lui. Tuttavia il processo continua tra eccezioni procedurali ed altri testimoni che si contraddicono l’uno con l’altro; il testimone Gavin Marchand, ad esempio, ha deposto che, avendo bevuto due bottiglie di champagne, non si ricorda quasi nulla. Il processo continua, con altre due deposizioni che forse consentiranno di fare maggiore chiarezza.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.