USA, ucciso in una sparatoria il rapper M-Bone (Cali Swag District)

Montae Talbert, rapper del collettivo Cali Swag Distrisct conosciuto come M-Bone, è stato ucciso ieri (15 maggio) nel corso di una sparatoria avvenuta a Inglewood, in California. L'edizione americana di MTV ha riportato le parole della polizia locale, che ha confermato che Talbert (al centro nella foto) è morto a causa di una "serie di colpi di pistola alla testa" mente era a bordo della sua automobile sulla La Brea Avenue. Il musicista è stato trasportato subito all'ospedale, ma purtroppo per lui non c'è stato nulla da fare se non decretarne il decesso. Non si conosce ancora l'identità dell'assassino.
Il collettivo di cui M-Bone faceva parte, i Cali Swag District, erano diventati famosi negli Stati Uniti grazie alla hit "Teach me how to dougie".

"La mia vita è cambiata drasticamente, in un batter d'occhio. Riposa in pace, Bone", ha scritto su Twitter il suo ex-compagno Smoove.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.