Anni Ottanta, si riformano anche gli Smithereens

Ennesimo ricompattamento d'un gruppo anni Ottanta, anche se questo suona più serio di quello dei Culture Club. Ad aggiungersi alla pletora di nomi in cerca di nuova fortuna stavolta sono gli Smithereens, originariamente formatisi nel New Jersey nel 1980 e, specialmente attorno al 1988, anno di "Green thoughts", coccolati dalla stampa più o meno "indie", anche italiana.
Inattivo dal 1994, il gruppo di Pat DiNizio entrerà in studio tra novembre e dicembre per un album di studio dall'attuale titolo di lavoro di "This is the way the world ends, baby". Prima della pubblicazione del lavoro di studio, però, arriverà un live. Interessante notare come, nonostante le belle parole su di loro spese attorno al 1988, il loro più alto posizionamento in classifica si verificò nel febbraio '92, quando il singolo "Too much passion" raggiunse il... trentasettesimo posto nelle charts USA.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.