Il vicino ascolta Phil Collins, lui lo uccide

Il vicino ascolta Phil Collins, lui lo uccide

C'è uno strano rapporto ultimamente tra la musica di Phil Collins e il crimine.

Dopo la curiosa notizia che vedeva la sua "Another day in paradise" primeggiare nella hit-parade di un carcere britannico (vedi sezione Artisti), una notizia di cronaca nera legata indirettamente all'ex batterista dei Genesis. Il signor Brian Wade di Nottingham ha infatti ucciso un tale di nome Jonathan Adell, che alle cinque del mattino stava ascoltando ad alto volume i successi di Collins. Wade è sceso al piano di sotto per protestare, e ne è nato un furibondo alterco, durante il quale Adell è rimasto colpito mortalmente al capo da un oggetto molto pesante. Wade nega, e dice che Adell è scivolato e ha battuto la testa. Non sappiamo come andrà a finire; speriamo per lui che perlomeno non debba soggiornare nel carcere di cui sopra. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.