Rob Halford ritorna all’heavy metal

Rob Halford ritorna all’heavy metal
Dopo l’esperienza con i Fight ed il progetto Two, Rob Halford - lo storico cantante dei Judas Priest - ha deciso di tornare alle sue origini: l’heavy metal. Decisione che tutti i fans del genere attendevano con ansia. “Alla fine ho capito che è la musica in cui riesco ad esprimermi al meglio e che mi mancava. Con il mio nuovo disco voglio dare un seguito a 'Painkiller'. Sono convinto di avere realizzato un grande album!”. Il disco cui Rob Halford si riferisce è “Resurrection” ed uscirà a nome “Halford” per la Sanctuary/Edel il 21 Agosto 2000. Il gruppo comprende i chitarristi Mike Chlasciak e Patrick Lachman, il bassista Ray Riendeau ed il batterista Bobby Jarzombeck. Il produttore dell’album è Roy Z, chitarrista dei Tribe Of Gypsies e da tempo chitarrista di Bruce Dickinson che qui duetta con Halford in “The one you love to hate”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.