Hillary Clinton e Rudy Giuliani litigano per Puff Daddy

Il sindaco repubblicano di New York Rudolph Giuliani, dopo aver attaccato Hillary Clinton per la scelta di un brano di Billy Joel considerato poco edificante (vedi News), ha affidato al suo portavoce la stigmatizzazione di un’altra iniziativa musicale della first lady. Questa è stata accusata di "mandare un messaggio confuso e ipocrita", perché ha accettato un contributo di 1.000 dollari alla sua campagna elettorale da parte di un personaggio in attesa di giudizio per possesso illegale di armi da fuoco: Puff Daddy (che a dire il vero potrebbe permettersi molto di più che due milioni di lire, se veramente sposasse il programma di Hillary per il Senato). In risposta, dal clan di Hillary si è fatto notare che Charlton Heston, presidente della potentissima National Rifle Association, lobby per il libero uso delle armi, ha fatto la medesima donazione per la campagna elettorale di Giuliani.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.