I Death SS a Rockol: 'Macché nazi, solo sana horror-music'

Rockol ha incontrato i Death SS, longeva formazione heavy-rock, in occasione dell'uscita del loro nuovo album "Panic". In un locale horror milanese, tra la Stazione Centrale ed il quartiere di Greco, Steve Sylvester e soci hanno innanzitutto voluto sgomberare il campo, semmai dopo 23 anni ve ne fosse stato ancora bisogno, da ogni possibile accusa di flirt col nazismo. "SS sono solo le mie iniziali", spiega Sylvester. "Ideologicamente siamo solo legati ad una condizione new-age libertaria del mondo, con la politica non c'entriamo. La nostra è horror-music e basta, definizione peraltro inventata da noi stessi, definizione che ci va ancora abbastanza bene".

Differenze tra il vostro album precedente e "Panic", così nuovo che l’avete visto solo all'inizio dell'intervista? "Sicuramente si tratta di due dischi diversi, c'è evoluzione, ma comunque non abbiamo mai fatto un album uguale all'altro. In quest'intento mi sembra che vi siamo riusciti. C'è un suono più moderno, più curato", dice Sylvester, vestito con un'inquietante pelliccia nera che gli arriva alle caviglie ed un cappello texano anch'esso nero con un bel teschio in evidenza.
I Death SS si dicono finora penalizzati dalla scarsa distribuzione all'estero, che ha fatto sì che i loro album non abbiano quasi mai sorpassato le diecimila copie cadauno, anche se ora le cose potrebbero cambiare. "Questo disco sarà distribuito in tutta Europa ed in Giappone", dicono.
Dopo l'arrivo del singolo "Hi tech Jesus" vi saranno altri estratti? "Sì, 'Lady of Babylon' e probabilmente anche un altro, ma non per spillare soldi ai fans: metteremo anche 'dentro' inediti o cover", affermano.
Come va la scena italiana del genere? Dice il frontman: "Finalmente in Italia i gruppi hanno più attenzione dai media. Si è capito che occorre presentare i prodotti nella maniera più professionale possibile. Ormai siamo vicini ad un buon periodo".

I Death SS s'apprestano ora ad andare in tour. Li vedremo (calendario peraltro già riportato da Rockol) il 13 marzo a Firenze, il 14 a Milano, il 15 a Torino, il 17 a Bologna, il 27 a Roma, il 28 a Codevilla (PV), il 29 a Rezzato (BS), il 30 a Biella ed il 31 marzo a Roncade (TV).
E il sud? "Al sud vorremmo andare", dice Sylvester. "Il problema è che mancano le cosiddette strutture medie e forse anche gli organizzatori pronti a rischiare. Ma mi sto battendo per andarci".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.