Jagger piangerà al telefono

Jagger piangerà al telefono
Il tribunale di New York ha ordinato a Mick Jagger di testimoniare per telefono nel corso della causa per paternità intentatagli da Luciana Morad. Il 15 marzo, infatti, sarà appurato una volta per tutte se il cantante è davvero il padre del piccolo Lucas. Il frontman dei Rolling Stones ha fatto sapere di essere impossibilitato a recarsi in America in tale data, e il giudice gli ha imposto di testimoniare servendosi di "mezzi elettronici". Se Jagger ammetterà la paternità, sarà il tribunale a decidere quanto dovrà versare alla modella brasiliana. Quest’ultima si è detta infastidita dalle voci pubblicate dai tabloid britannici, secondo i quali Jagger le avrebbe offerto 45 miliardi di lire per risolvere la cosa da amici. Secondo il "New York Post", a "passare" la notizia ai giornali, con l’intento di "stanare" Jagger, sarebbe stato l’avvocato di Luciana, Raoul Lionel Felder.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.