Nuovo album per Sheikh Lô

A margine dell’articolo dedicato a Juan de Marcos, "La Repubblica" ne dedica uno anche al musicista africano che li accompagna in tour, Sheikh Lô: «Ha i capelli come un rastafari, è un appassionato della musica di Bob Marley e di James Brown, è cresciuto musicalmente con i classici cubani degli anni Sessanta. Ma vive alle sorgenti del ritmo, a Dakar, in Senegal, dove Youssou N'Dour ha notato la sua voce e l'ha portato per la prima volta in sala di registrazione. Ora ha pubblicato il suo secondo album, "Bambay Gueej", in cui ha stretto ulteriormente il rapporto con il funk neroamericano e con la musica afrocubana. Nel suo disco suonano anche il sassofonista Pee Wee Ellis, una volta con James Brown ora arrangiatore della band di Van Morrison, e Richard Egües, flautista dell'Orquesta Aragon. Al Ronnie Scott's di Londra, Sheikh Lô si è esibito con la sua band ed è salito sul palco durante l'esibizione degli Afro Cuban All Stars per un'applauditissima improvvisazione vocale. Parla una quantità di lingue africane, è un sufi della setta Baye Fall e tiene appesa al collo l'immagine del Maestro, cui ha dedicato l'intero album. La grande spiritualità che pervade la sua musica è evidente soprattutto in Zikr (così i sufi chiamano la loro cerimonia), un brano che Lô ha voluto dedicare a Nusrat Fateh Ali Khan, scomparso due anni fa. Acceso sostenitore di una musica che continui la gloriosa tradizione dell'afro- beat di Fela Kuti, ma più ricca e composita, con ritmi che arrivano dal Mali e dallo Zaire, le musiche che l'Africa ha generato nel mondo (dal jazz ai suoni caraibici) e quelle devozionali dei riti del sufismo. "Che rapporto c'è tra la religione e la mia musica? Lo stesso che c'è tra il lavoro del falegname e il suo credo"».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.