Troppo soft: via Don Henley dalla colonna sonora. E lui vuole due miliardi

Don Henley ha deciso di far causa alla Paramount Pictures, che lo ha depennato dalla colonna sonora di "Double jeopardy". Il cantante degli Eagles chiede un miliardo alla casa cinematografica, con la quale aveva un «accordo verbale» relativo a una canzone, "Taking you home", che gli sarebbe stata pagata un milione di dollari (oltre un miliardo e ottocento milioni di lire). Il problema è che durante la lavorazione, i produttori hanno deciso di trasformare la pellicola, interpretata da Tommy Lee Jones e Ashley Judd, in un più proficuo film d'azione invece che una commedia sentimentale. La cosa ha indotto i produttori a togliere il brano dalla colonna sonora, della quale avrebbe dovuto essere la canzone portante. Henley vuole il suo milione di dollari più 125.000 dollari per il video che avrebbe dovuto essere realizzato con immagini dal film. "Taking you home" diverrà in ogni caso il primo singolo tratto dal suo imminente album.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.