La morte di Falco forse dovuta ad alcool e droghe

Sarebbe stato un cocktail di alcool e droghe, e la conseguente guida in stato di ebbrezza, a causare l'incidente mortale che ha tolto la vita a Falco, il cantante morto la notte del 6 febbraio a Puerto Plata, presso Santo Domingo. Secondo il settimanale austriaco "News", l'autopsia effettuata dai medici dominicani ha rivelato che, nel momento dell'impatto con l’autobus che proveniva in senso opposto, l'interprete di "Rock me Amadeus" aveva in ogni millilitro di sangue 2.604 nanogrammi di cocaina, 43 milligrammi di marijuana e un tasso di alcolemia pari all'1,5 (per fare un paragone, il limite consentito in Austria è 0,5). Alcuni testimoni, sentiti subito dopo l'incidente, avevano invece assicurato che il cantante era completamente sobrio e lucido. Gli inquirenti dominicani hanno annunciato un supplemento di indagini.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.