Biografia

Steve Jones, Paul Cook, Glen Matlock e John Lyndon (alias Johnny Rotten) si incontrano nel 1972 al negozio di Malcolm McLaren, che diventa il loro manager. Mentre la band suona un semplice rock abrasivo e rumoroso, Rotten canta di anarchia, aborto, violenza e fascismo, cercando di dare un aspetto più minaccioso possibile al gruppo.
La pubblicità causata dal loro irriverente primo singolo, “Anarchy in the U.K.”, li porta allo scioglimento del contratto con la EMI. Matlock viene licenziato prima dell’uscita del secondo singolo “God save the Queen”, pubblicato dalla Virgin e bandito dalla BBC.
Il nuovo bassista si chiama Sid Vicious, un violento ragazzo di strada che, a differenza degli altri componenti, non sa suonare il suo strumento.
Dopo la pubblicazione di NEVER MIND THE BOLLOCKS HERE’S THE SEX PISTOLS, nel 1977, i Sex Pistols partono per un tour negli U.S.A., ma dopo la data di San Francisco Johnny Rotten lascia la band per poi formare un anno dopo i Public Image Limited e il gruppo non continua la propria attività dopo il suo abbandono.
Nel 1996, venti anni dopo l’implosione della band, i membri originari (Sid Vicious è morto nel 1979) iniziano un tour internazionale e il mese successivo pubblicano FILTHY LUCRE LIVE.

Nel 2000, in contemporanea con l'uscita del secondo film di Julian Temple sui Sex Pistols ("The filth and the fury") viene pubblicata anche la colonna sonora (un doppio Cd per un totale di 29 brani) .
Nel 2002, a 25 anni dall'uscita di "God save the Queen" e del cosiddetto "giubileo del punk", i Sex Pistols godono di un ritorno di visibilità, e vengono pubblicati un'antologia singola – JUBILEE - e un ampio "box set" di tre Cd contenente parecchio materiale interessante e inedito.
Nel 2005 la band viene inclusa nella Rock and Roll Hall of Fame. Nel 2007, per celebrare il 30° anniversario della loro formazione, il gruppo torna sui palchi per un tour che arriva anche in Italia nell'estate del 2008. (06 apr 2008)