Biografia

Steven Van Zandt – soprannominato Little Steven per la bassa statura - nasce nel 1950 a Boston e cresce musicalmente nella scena del New Jersey, in compagnia di Bruce Springsteen e Southside Johnny.
Tra il 1969 e il 1970 fa parte degli Still Mills di Springsteen, e poi della Bruce Springsteen Band nel 1971. Dopo aver lavorato per un periodo con Southside Johnny torna con il Boss nel 1975, entrando a far parte della E Street Band: seguono anni di intenso lavoro e Little Steven co- produce diversi album dell’amico, tra cui THE RIVER (1980) e BORN IN THE USA (1984).
Nel frattempo, nel 1982 nasce il suo gruppo, Little Steven & The Disciples of Soul, con cui pubblica l’album MEN WITHOUT WOMEN prima di lasciare la E Street band nel 1984. Il 1985 è l’anno di “Sun city”, brano e progetto che puntano la propria attenzione sul problema dell’apartheid sudafricano. Dopo l’album del 1989, REVOLUTION, Little Steven si allontana dalla musica per una decina d’anni. Nel 1998 torna alla ribalta come attore in una serie televisiva di grande successo negli USA, “The Soprano’s”, mentre pochi mesi dopo torna a far parte della E Street Band. Sul finire del 1999 pubblica il suo album BORN AGAIN SAVAGE, lavoro tenuto nel cassetto per dieci anni.
Dal 2002 è ospite fisso di “Little Steven's Underground Garage”, programma radiofonico su questo genere musicale. Pur continuando a suonare nella rinata E Street Band dalla fine degli anni '90, si crea una carriera parallela come attore, con un ruolo n "I Soprano" e poi in "Lillehammer", prodotta da Netflix e ambientata in Norvegia
Nel 2017 esce SOULFIRE, primo album solista dell'artista in 18 anni, seguito da un inteso tour che porta al disco SOULFIRE LIVE del 2018. Nel 2019 arriva SUMMER OF SORCERY, a confermare la ritrovata vena artistica da solista - segue un nuovo tour (15 apr 2019)