Biografia

Nata nel Bronx (New York) il 24 luglio 1969 da genitori portoricani, Jennifer Lopez fin da piccola dimostra un certo interesse per la danza e la recitazione. Dopo qualche apparizione in video musicali e un primo, piccolo ruolo nel film “My little girl”, la Lopez ha la sua grande occasione entrando nel cast della serie TV “In Living Colour” del regista-attore Keenen Ivory Wayans.
Ruolo determinante per la sua carriera di attrice (accanto a “Mi familia” del ’95, diretto da Gregory Nava) è però il film “Money train” del 1995 al fianco di Wesley Snipes e Woody Harrelson, seguito da parti minori in “Jack” con Robin Williams e “Blood & wine”con Jack Nicholson (entrambi del ’96).
Seguono “Anaconda” del ’97 (con Ice Cube) e “U-turn” dello stesso anno (con Sean Penn e Nick Nolte), finché il regista Gregory Nava la sceglie come l’unica in grado di raccontare con credibilità la vita, la carriera musicale e la tragica fine della cantante Selena Quintanilla. Il film del ’97, semplicemente intitolato “Selena”, le fa conquistare il Golden Globe come migliore attrice e alza di molto le sue quotazioni, portando la Lopez a diventare l’attrice latina più pagata di Hollywood.
Il 1998 è un anno importante per il suo definitivo lancio del mondo del cinema, grazie al suo contributo come doppiatrice nel film animato “Antz”, ma soprattutto al suo ruolo nell’acclamato film “Out of sight” con George Clooney. Il momento è propizio per proporsi anche come cantante, cosa che J-Lo fa con l’album ON THE 6, diventato in breve tempo un grande successo mondiale, anche grazie ai singoli “If you had my love”, “Waiting for tonight” e “Let’s get loud”. In questo debutto è compreso anche un omaggio alle sue origini latine nel duetto con Marc Anthony intitolato “No me ames” (adattamento in spagnolo di “Non amarmi”di Francesca Alotta e Aleandro Baldi).
Jennifer Lopez fa notizia anche per la sua relazione con il rapper e produttore Puff Daddy, il quale le garantisce una presenza costante sulle riviste scandalistiche e persino un soggiorno di 14 ore nel carcere di New York, in seguito a una sparatoria avvenuta nel New York Club di Times Square, dove la coppia è presente (e a quanto sembra, in qualche modo coinvolta nei fatti). Uscita con la fedina penale pulita da questa triste storia, la Lopez continua ad essere al centro dell’attenzione, portando avanti in maniera brillante la sua carriera d’attrice con i film “The cell” (del 2000) e “The wedding planner” (2001) e preparando il terreno all’atteso secondo album, intitolato come il suo nickname: J-LO. A fine 2002 esce il film “Maid in Manhattan”, un successo annunciato; la Lopez nel frattempo si fidanza con Ben Affleck e pubblica il suo terzo album, THIS IS ME... THEN.
Dopo varie peripezie amorose (tra cui un nuovo matrimonio, con il cantante Marc Anthony) e comparsate cinematografiche, nel 2005 esce il nuovo disco di inediti, REBIRTH. Bisogna attendere altri due anni per un nuovo disco: COMO AMA UNA MUJER è il primo album interamente in spagnolo della Lopez.
Ad appena sei mesi da COMO AMA UNA MUJER esce BRAVE, il suo sesto album da cui vengono estratti “Do It well” – che in molti paesi entra nella Top 20 dei singoli più venduti – e solo per il mercato inglese e italiano “Hold it, don’t drop it”.
A febbraio del 2008 Jennifer Lopez diventa mamma per la prima volta con i gemelli Max e Emme. Dopo la fine del contratto discografico con la Sony, Nel 2011 esce LOVE?, il primo lavoro del nuovo accordo con la Def Jam/Universal: dal disco viene estratto il singolo “On the floor”, che la fa ritornare in vetta alle classifiche di tutto il mondo. È una sorta di seconda giovinezza. Nello stesso anno è tra i giudici, accanto Randy Jackson e Steven Tyler, di “American Idol” cui torna anche nel 2012, pare per un cachet vicino ai 20 milioni di dollari. Lopez lancia profumi e linee di abbigliamento ed è protagonista di “¡Q’viva! The chosen” che la segue in un viaggio nell’America Latina alla ricerca di un nuovo talento. Seguono nuovi ruoli cinematografici (“Che cosa aspettarsi quando si aspetta” del 2012 e “Parker” del 2013), una raccolta di successi (DANCE AGAIN… THE HITS che nel 2012 chiude il contratto con la Epic), la produzione del serial “The Fosters” sulle vicende famigliari di una coppia lesbica e interrazziale, un’altra stagione di “American idol” (2014). Il nuovo album A.K.A. è atteso nel giugno 2014, il mese dei mondiali brasiliani di calcio la cui canzone ufficiale “We are one (ola ola)” di Pitbull ospita proprio Lopez. (01 nov 2017)