Biografia

Il progetto Granturismo nasce in Romagna grazie a Claudio Cavallaro, in collaborazione con il chitarrista Vincenzo Vernocchi, il percussionista Luca Nobile, il bassista Mirko Abbondanza e il fiatista Paride Silvio. I cinque propongono un folk rock melodico / popolare che si concretizza con pubblicazione nel 2007 del primo ep omonimo, un lavoro interamente autoprodotto e registrato in presa diretta nel giro di pochi giorni. I testi ironici di Cavallaro, le melodie dirette e le ballate agrodolci figlie della tradizione cantautorale italiana, portano i Granturismo ad esibirsi a supporto di gruppi come Negrita, Shortwave Set, the Bishops, Ladybug Transistor e Bobo Rondelli nei principali club italiani. Del 2008 la presenza sul main stage del Mi Ami di Milano, del 2010 l’esibizione al Mojotic Festival di Sestri Levante, dedicato a Piero Ciampi, assieme a Nada, Andrea Appino degli Zen Circus, Il Pan del Diavolo, Dente e diversi altri, e numerose sono le partecipazioni al MEI, il meeting italiano delle etichette indipendenti. Il disco d’esordio ufficiale vede la luce nel 2010: IL TEMPO DI UNA DANZA esce per l’etichetta Live Global, prodotto in collaborazione con Paolo Alberta sotto la supervisione di Fabrizio Barbacci (Gianna Nannini, Negrita, Roy Paci & Aretuska, Ligabue). Sul disco, compaiono i pezzi già presenti sul primo ep, più tre inediti, “Rivedere lei”, “Stasera” e “Il Tempo di una danza” (di cui viene anche girato un video), per un totale di undici tracce. Anche qui a spiccare sono i testi ispirati e dal sapore noir malinconico, firmati interamente da Cavallaro. Il 2010 si chiude con la partecipazione al progetto La Leva cantautorale degli anni Zero, voluto da Club Tenco e MEI per valorizzare la nuova canzone d’autore, con l’inedito “Rouge Noir”. Il 23 novembre 2011, i Granturismo (qui in formazione a quattro con Enrico Bocchini alle percussioni e Tommaso Tam al basso a supporto dei confermatissimi Cavallaro e Vernocchi) escono con un nuovo lavoro in studio, l’ep CACCIAVITE NEL CUORE: quattro tracce che segnano l’ennesima tappa nello sviluppo del sound del combo romagnolo, qui più orientato verso un pop psichedelico con sfumature blues, gospel e rockeggianti. Per il 2012 è prevista l’uscita del secondo album. (30 mar 2012)