Biografia

Georges Brassens nasce a Sète, in Francia, il 22 ottobre 1921.
Respira musica fin da giovane grazie a sua madre, ma l’incontro decisivo lo fa al liceo, quando – tramite il suo professore di lettere – incomincia prima ad appassionarsi e poi a comporre poesie e testi di canzoni. Ben presto deve lasciare la scuola in seguito all’accusa di piccoli furti compiuti nelle case di alcuni compagni benestanti; il padre allora lo prende a lavorare con sé, anche se la passione per la musica non lo abbandona.
Nel 1940 si trasferisce a Parigi dove continua a coltivare il suo amore per la poesia francese, pur lavorando contemporaneamente come operaio. Nel 1942 decide di pubblicare a proprie spese le prime raccolte poetiche; un anno dopo – a causa di un decreto di lavoro del governo tedesco – deve lavorare in un campo di lavoro vicino a Berlino. Durante tutto questo periodo prosegue nella scrittura delle canzoni, tra cui – per esempio “Pauvre Martin”. Nel 1944 - approfittando di una licenza di quindici giorni - Brassens ritorna a Parigi, dove si nasconde dai coniugi Jeanne e Marcel Planche, a cui dedica canzoni come “Jeanne”, “La cane de Jeanne” e “Chanson pour l'Auvergnat”. Nel 1947, Brassens pubblica il suo primo romanzo, “La lune écoute aux portes” e nello stesso anno scrive brani come “Brave Margot”, “La mauvaise réputation” e “Le gorille”, quest’ultimo boicottato dalla radio di Stato per la sua opposizione contro la pena di morte.
Durante gli anni Cinquanta Brassens si esibisce nei cabaret parigini, con esiti a dir la verità non molto fortunati. Nel 1952, però, riesce a ottenere un ingaggio presso Chez Patachou, dove la proprietaria – la stessa Patachou –canta le se canzoni facendolo conoscere al grande pubblico. Brassens passa poi a interpretare le sue canzoni, cominciando a farsi conoscere per i suoi testi che suscitano parecchie critiche. Patachou presenta allora Jacques Canetti, direttore artistico della Polydor e proprietario del cabaret Les Trois Baudets. L’artista riesce così a registrare il primo album – LA MAUVAISE REPUTATION – lavoro del 1953, che ottiene molto successo. L’anno successivo è la volta di LES AMOUREUX DES BANCS PUBLICS, a cui segue CHANSON POUR L’AVERGNAT nel 1955.
Pur rallentando gli impegni a causa di alcuni problemi di salute, pubblica comunque dischi quasi regolarmente: LE PORNOGRAPHE (1958), LE MÉCRÉANT (1960) e LES TROMPETTES DE LA RENOMNÉE (1961), mentre SUPPLICQUE POUR ÊTRE ENTERRÉ Á LA PLAGE DE SÈTE è del 1966.
Dice addio alle scene piuttosto presto, nel 1973, a causa di continui problemi di salute, salutando i fan con una tournée in Francia e Belgio e pubblicando il penultimo disco, FERNANDE. Nel 1977 esce invece DON JUAN, il suo ultimo lavoro.
Muore il 29 ottobre 1981. (05 gen 2018)