Biografia

Erykah Badu (vero nome Erica Abi Wright) è nata a Dallas, Texas, il 26 febbraio 1971. Il suo primo approccio con la musica risale ai tempi in cui, con suo cugino Free, aveva messo su un duo chiamato semplicemente ErykahFree, che saltuariamente suonava nei locali della città, ma è stato nel 1994 che è avvenuto l’incontro che avrebbe cambiato la sua vita. D’Angelo infatti l’aveva notata (lui intanto stava lavorando al suo album di debutto BROWN SUGAR) e presentata al suo manager Kedar Massenburg. Massenburg di lì a poco avrebbe fondato la sua etichetta Kedar entertainment e messo sotto contratto Erykah.
Proprio D’Angelo le ha fatto da padrino, realizzando con lei la cover del classico di Tammi Terrell e Marvin Gaye, “Your precious love”, inserito nella colonna sonora del film HIGH SCHOOL HIGH del 1996 (e nel ’99 ripubblicata nella compilation-tributo a Marvin Gaye, MARVIN IS 60).
L’album di debutto di Erykah Badu, BADUIZM, è uscito all’inizio del 1997 con immediati consensi di pubblico e critica, arrivando al numero uno della classifica degli album più venduti in America e creando intorno a lei molta curiosità, per quel suo buffo copricapo, ma anche per la grande somiglianza vocale con Billie Holiday. Un paragone forse un po’ azzardato, ma di certo la Badu si è subito distinta tra le donne della musica black in circolazione in quel periodo.
Sul finire dello stesso anno, Erykah ha pubblicato l’album LIVE, registrato ai Sony studios di New York nell’ottobre 1997, incinta del piccolo Seven (nato dalla sua relazione con Andrè Benjamin, rapper del duo Outkast).
A tre anni da LIVE, giunge il tanto atteso nuovo disco, intitolato MAMA’S GUN. Da allora ad oggi, Erykah Badu non è del tutto scomparsa. Infatti, si trovano sue tracce un po’ ovunque: come in “A child with the blues” per il film EVE’S BAYOU del ’97; nel vol.3 del mix tape di Funkmaster Flex THE FINAL CHAPTER del 1988; la sua canzone “Ye yo” nella colonna sonora del film HAVE PLENTY dello stesso anno e ancora in LIVING THE DREAM :TRIBUTE TO DR.MARTIN LUTHER KING, con il pezzo “Drama”. Accanto alla musica, vanno citati anche un paio di ruoli come attrice, rispettivamente come Rose Rose nel film premio Oscar LE REGOLE DELLA CASA DEL SIDRO (Cider House Rules) e in quello di Queen Mousette in BLUES BROTHERS 2000.
Nel frattempo ha anche trovato il tempo di collaborare con i Roots per la canzone premiata con il Grammy Award, “You got me”; con Guru per l’album JAZZMATAZZ: STREET SOUL con la canzone “Plenty”; con gli Outkast nel loro album STANKONIA con la canzone “Humble mumble”; con Common per la colonna sonora del film BAMBOOZLED nel remix di “The Light”, (e offrendo alla stessa soundtrack la sua canzone “Hollywood”) e nel tributo a Bob Marley, CHANT DOWN BABYLON del ’99 con “No More Trouble”. E’ poi dell’estate ’99 la pubblicazione del singolo “Southern gal” (con Rahzel dei Roots), preludio alla pubblicazione del tanto atteso nuovo album; ma Erykah Badu ha rinnegato questo singolo, facendone uscire un altro nell’ottobre 2000, ovvero “Bag lady”, vera anticipazione al nuovo album MAMA’S GUN.
Dopo aver pubblicato due album dal notevole successo ed essersi accreditata come punto di riferimento per la musica black, Erykah accusa una paralisi creativa che la porta a pubblicare nel 2003 WORLDWIDE UNDERGROUND un album poco ispirato che non rinnova i fasti dei primi due lavori. L’anno seguente nasce Puma Rose, sua seconda maternità dopo Seven Sirius Benjamin, nato nel 1997, dalla relazione con Andrè3000 degli Outkast.
Dopo un lustro di pausa e di riflessione Erykah nel 2008 pubblica NEW AMERYKAH PART ONE, un lavoro molto ispirato che può essere paragonato per qualità artistica alle vette di BADUIZM e MAMA’S GUN. Un album che rivisita generi cari alla musica nera, con grande grazia e particolare maturità nei testi. Un lavoro di grande significato nell’anno che porta Barack Obama, un afroamericano, alla Casa Bianca.
Il 2010 segna il ritorno della cantante di Dallas con il secondo capitolo della trilogia, stavolta intitolato NEW AMERYKAH PART TWO: RETURN OF THE ANKH, anticipato dal singolo “Window seat”. Il video della canzone, provoca grande scalpore e suscita molte polemiche per via della sequenza nella quale la Badu effettua uno spogliarello lungo la via di Dallas dove nel lontano 1963 fu ucciso John F. Kennedy. (10 gen 2018)