Biografia

L’avventura musicale dei quattro fratelli Corr – Jim (chitarra e tastiere), Sharon (violino), Caroline (batteria) e Andrea (voce) – inizia con un provino per il film di Alan Parker “The Commitments”. I nostri, originari di Dundalk, paese al confine tra le due Irlande, ottengono parti minori ma conoscono John Hughes, al tempo consulente musicale della pellicola, che diventa da allora il “quinto” membro dei Corrs. Con il suo aiuto, i quattro fratelli arrivano, la leggenda vuole in modo fortunoso (ovvero con un’irruzione negli studi del produttore David Foster e un provino improvvisato) alla realizzazione del loro primo album FORGIVEN NOT FORGOTTEN (1995). Subito impegnati in un tour come gruppo spalla di Celine Dion, i Corrs conoscono un successo dalle dimensioni planetarie. Nel 1997 realizzano TALK ON CORNERS, in parte prodotto da Glen Ballard (Alanis Morissette): il successo si ripete e i Corrs si imbarcano in un nuovo tour che li porta in giro per il mondo e collezionano apparizioni che vanno dal Concerto di Natale davanti al Papa al duetto con Pavarotti in un’edizione del suo show modenese. Nel 1999 è la volta di un album registrato per lo show televisivo MTV UNPLUGGED, cui segue nel 2000 un nuovo album in studio IN BLUE, cui i Corrs lavorano con la collaborazione in tre brani di Mutt Lange, marito e produttore di Shania Twain.
Nel 2001 è la volta del BEST OF THE CORRS, mentre il nuovo album di studio arriva solo nella primavera del 2004, e si intitola BORROWED HEAVEN. Tra le canzoni, "Time enough for tears", scritta da Bono degli U2 insieme a Gavin Friday. Con HOME, pubblicato ad appena un anno di distanza dal suo predecessore, i quattro fratelli tornano alle loro origini reinterpretando brani legati alla loro terra, l’Irlanda, e alle sua tradizioni musicali.
Dopo 10anni di silenzio discografico (con i membri occupati a perseguire progetti solisti), esce nel 2015 WHITE LIGHT, l'album della reunion, seguito a due anni di distanza da JUPITER CALLING. (12 nov 2017)