Biografia

I Big Country si formano nel 1981 a Dunfermline, in Scozia. La band è formata da Stuart Adamson, Bruce Watson, Clive Parker e i fratelli Pete e Alan Wishart, sostituiti poi da Tony Butler e Mark Brzezicki. Dopo il contratto con la Mercury, il gruppo pubblica il singolo di debutto "Harvest home" nell’inverno del 1982. Il primo disco – THE CROSSING – esce nel 1983, seguito da STEELTOWN (1984), lavoro che raggiunge il primo posto in classifica. Una tournée in Unione Sovietica accompagna la realizzazione di PEACE IN OUR TIME (1988) e – dopo un cambio di formazione – NO PLACE LIKE HOME (1991). A due anni di distanza viene realizzato THE BUFFALO SKINNERS (1993), seguito da WHY THE LONG FACE (1995) e dall’acustico ECLETIC (1996). Dopo tre anni esce DRIVING TO DAMASCUS. I problemi di Adamson con l’alcol fanno sì che non partecipi al tour del 2000. A dicembre 2001 Adamson viene trovato morto in un hotel delle Hawaii, dopo essere scomparso per diverse settimane dalla sua casa di Nashville.
Nel 2007, per festeggiare il venticinquesimo anno dalla formazione del gruppo, i membri originari si riuniscono per una tournée e per registrare un nuovo lavoro, TWENTY FIVE LIVE. Nel 2008 il gruppo decide di prendersi una pausa a tempo indeterminato. Questo periodo di riflessione termina nel 2011, quando, con Mike Peters degli Alarm alla voce, il gruppo decide di ritornare riproponendo il disco d’esordio THE CROSSING. Dopo una serie di cambiamenti all'interno del gruppo (lasciano Tony Butler, bassista e fondatore, e il manager Ian Grant. Entra in formazione Derek Forbes, bassista dei Simple Minds dal 1979 al 1985) si attende un nuovo lavoro del gruppo, la cui uscita non è ancora decisa. (23 ott 2012)