«HESMINè - Noireve» la recensione di Rockol

Noirêve: leggi qui la recensione di "Hesminè"

Noirêve è Janet Dappiano, producer e musicista trentina di formazione londinese che esplora il mondo della musica elettronica destreggiandosi tra Ableton, sintetizzatori e l’uso alternativo di eleganti oggetti scenici che diventano strumenti musicali.

Recensione del 13 ago 2017 a cura di Marco Jeannin

La recensione

“Hesminè”, la titletrack di questo EP, è il pezzo che più di tutti lascia intravedere il potenziale di Janet Dappiano. Janet, la nostra protagonista, su disco si fa chiamare Noirêve e nella vita è una ragazza del Trentino che si è formata musicalmente tra l’Italia (conservatorio) e Londra. Una formazione che con il tempo ha plasmato il modo di far musica di Janet convogliando la spinta creativa della giovane autrice in un suono elettronico dai toni ambient, venato di dream pop e trip-hop.

“Hesminè” è il suo primo EP pubblicato ad un annetto di distanza da “Viaggio immobile”, interessante singolo uscito nel 2016 che già metteva piuttosto bene in chiaro il campo da gioco su cui si sarebbe poi mossa Noirêve. Un downtempo inevitabilmente soffuso, elegante e minimale in cui la linea vocale va intesa esclusivamente alla stregua di uno strumento musicale aggiuntivo. Un modo di scrivere e interpretare che Janet riprende proprio in “Hesminè”, il pezzo di cui sopra e per cui vale sostanzialmente la stessa introduzione fatta per “Viaggio immobile”. A "hesminè" vanno poi ad affiancarsi altri quattro episodi che si distinguono per lo stesso numero di collaborazioni messo in campo dalla Dappiano, collaborazioni che rendono bene l’idea di quello che è la portata del progetto Noirêve. Per “Naviot” abbiamo quindi la cantante brasiliana Rebeca Marques Rocha. A Kirsten Calandra tocca “Happy”, pezzo registrato in Florida e co-prodotto in Inghilterra da Aneris con Micheal Dey. Infine, Alice Righi è la voce scelta per la titletrack, Sara Picone quella per “Cenere” mentre “Aneris” si avvale di Adele Pardi sia per la voce che per gli archi.

Dal lato puramente tecnico, l’EP è stato mixato da Alessandro Battisti e masterizzato impeccabilmente dal sempre ottimo Giovanni Versari, ormai più che una sicurezza, mentre l’artwork è opera di Paola Vertemati, italiana ma di stanza a Berlino. Un EP che trova i suoi picchi quando Noirêve cede alle tentazioni del suo lato oscuro - per non dire dark - riuscendo a creare atmosfere affascinanti con pochi tocchi; ambienti elettronici in cui la delicatezza delle melodie, la scelta dei suoni ("... chitarre processate, pads costruiti con suoni dell’ambiente che ci circonda, beats ritagliati da campioni registrati in diverse regioni del mondo") e l'eleganza degli arrangiamenti si fondono perfettamente e con gusto. Un meccanismo che secondo me funziona un po’ meno invece quando si passa al cantato classico proprio perché si perde un po' quell’aura di mistero che rende il tutto molto più intrigante. Poi per carità… funziona meno ma non è un peccato mortale, anzi: si parla di dettagli e ricordiamoci che questo è un EP e che Noirêve è un progetto nato da pochissimo ma destinato a crescere ed evolvere rapidamente. Noirêve ha classe, competenza e idee, e proprio per questi motivi è da seguire con grande interesse.

TRACKLIST

01. Naviot (05:07)
02. Hesminè (03:20)
03. Happy (03:31)
04. Cenere (04:02)
05. Aneris (03:42)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.