«DON'T STEP ON THE SNAILS - Howe» la recensione di Rockol

Howe: leggi qui la recensione di "Don't step on the nails"

Howe è il nome dietro cui si cela un misterioso producer che dopo alcune esperienze in ambito house per label prestigiose ha deciso di indossare una maschera e tornare ad esprimersi in libertà.

Recensione del 29 giu 2017 a cura di Marco Jeannin

La recensione

Strutture fisse, 16 battute di intro, 4 di bridge, utilizza il synth che ora va di moda, i sample che adesso tirano, stai nei 6 -7 minuti, chiudi con solo kick. Ero sinceramente stufo. Perciò molto liberamente e volontariamente sordo ad ogni disco che usciva e che andava in quel periodo ho acceso il pianoforte e iniziato a giocare con il computer, i sample, i synth. Il risultato è quello che sentite…

A parlare è Howe, producer che dopo alcune esperienze in ambito house per label quali Defected e Snatch (ed un lavoro dietro la scrivania come label manager), decide di mettersi una maschera e affrontare prima lo studio e poi il palco. Per saltare la barricata si attrezza di otto pezzi racchiusi sotto l’unico titolo “Don't step on the snails”, un disco fondamentalmente elettronico che però pesca a piene mani da R&B, indie, trip hop e jazz, mantenendo di base costantemente una certa eleganza formale. Howe ha un approccio molto delicato al mondo dei synth e sa dosare bene la melodia arrangiando i pezzi con pochi tocchi.

Poche parole e tanta musica insomma, un ragionamento di tipo cinematografico, mondo in cui dove più che i dialoghi contano le immagini. In questo caso le immagini sono pezzi come “Lole”, un po’ Bonobo in versione dancefloor, o la doppietta “Glorious hay day” e “Three things” in cui Howe si avvale del supporto di Ray Wilson, o l’ottima “MM”.  

Quando ho scritto il disco venivo anche da un periodo in cui, dopo quattro anni di legge, avevo dichiarato a mio padre (avvocato che mi aveva costretto a quegli studi) che avrei chiuso con l'università. Volevo essere libero e senza pressioni esterne e questo mi ha fatto sentire come un bambino che può sperimentare e giocare senza paura e mi sono paragonato ad una lumaca, che lentamente e con fatica cammina verso il suo obiettivo

Personalmente le lumache non sono propriamente il primo animale che prenderei come riferimento in una situazione come quella in cui si è trovato Howe, ma è proprio per questo che io sono alla tastiera e lui fa musica. Ed è sempre per questo che “Don't step on the snails” è un disco sì molto elegante, ma soprattutto interessante. 

TRACKLIST

01. A Colourful Umbrella (01:21)
02. Glorious Hay Days (03:22)
03. Let Goud (04:39)
04. Lole (03:31)
05. MM (04:33)
06. Don't Step on the Snails (04:02)
07. Three Things (03:57)
08. Postalgie (04:00)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.